Il forellino nel tubo non è un “difetto”

La Corte d'appello di Catania, con sentenza n. 724 del 29 maggio scorso, ha giudicato in materia di responsabilità ex art. 1669 c.c. precisando come la stessa presupponga una insufficienza strutturale dell'impianto o dell'opera realizzata tale da minarne l'intrinseca funzionalità. Conseguentemente, un piccolo foro ad una ramificazione di un impianto idrico non può essere ricondotto nella fattispecie in esame, stante l'esiguità del difetto prodotto (macchie di umidità) e l'oggettiva impossibilità di ascrivere tale vizio, in via esclusiva, all'attività costruttiva.

Allegati

Diritto CivileDiritto