Immobili dei professionisti. Disciplina illustrata dal Cndcec

Immobili dei professionisti. Disciplina illustrata dal Cndcec

Il documento di ricerca del 25 luglio 2019 elaborato da Cndcec e Fnc fornisce una panoramica della disciplina relativa al trattamento fiscale degli immobili relativi all'esercizio di arti e professioni.

È trattato in particolar modo il tema delle differenti regole relative ai componenti positivi e negativi di reddito a seconda che l'immobile sia di tipo strumentale o utilizzato in uso promiscuo, distinguendo tra quelli acquisiti in proprietà o in leasing.

Il documento fa seguito alle pregresse circolari IRDCEC: la n. 1/IR del 12 maggio 2008 e la n. 19/IR del 4 giugno 2010.

Immobili dei professionisti, riscrittura integrale della norma

La disciplina del trattamento fiscale degli immobili nella determinazione del reddito di lavoro autonomo (art. 54 del Tuir), ha subito nel corso degli anni diverse modifiche normative atte ad avvicinare le regole di determinazione del reddito di lavoro autonomo a quelle del reddito d’impresa.

Ma gli interventi mal coordinati e che hanno suscitato e lasciato irrisolti numerosi dubbi, hanno comportato l’emergere di regole stratificate ed estremamente complesse.

Pertanto, nel documento, si torna ad auspicare una riscrittura integrale dell’articolo 54 del Tuir.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com - Edicola del 5 luglio 2019 - Consulta. Legittima la parziale deducibilità IMU sugli immobili strumentali - Moscioni
FiscoProfessionistiCommercialisti ed esperti contabiliImposte