Licenziamenti, tutele crescenti alla prova della Corte di Giustizia UE

Pubblicato il



Licenziamenti, tutele crescenti alla prova della Corte di Giustizia UE

Sospetto di illegittimità in merito alla procedura di licenziamento collettivo (art. 10, del D.Lgs. n. 23/2015). Il tribunale di Milano ha chiesto alla Corte di Giustizia UE di pronunciarsi sulla compatibilità con il diritto comunitario del regime delle tutele crescenti, entrato in vigore dal 7 marzo 2015. In particolare, nell’ambito di un licenziamento collettivo illecito, il datore di lavoro procedeva alla reintegra dei lavoratori, tranne la lavoratrice assunta con il cd. contratto a tutele crescenti, poiché stata assunta dopo il 7 marzo 2015.

Secondo il tribunale di Milano, il comportamento datoriale ha violato i principi costituzionali, la Direttiva Europea 99/70, nonché i dieci articoli della Carta dei diritti fondamentali dell'UE.

Tutele crescenti e licenziamenti collettivi illegittimi

Il D.Lgs. n. 23/2015, che disciplina le cd. tutele crescenti, all’art. 10 prevede che in caso di licenziamento collettivo illegittimo (art. 4 e 24, della L. n. 223/1991), intimato senza l’osservanza della forma scritta, scatta il medesimo regime sanzionatorio dei licenziamenti discriminatori.

Si ricorda, al riguardo, che in caso di licenziamento discriminatorio – a prescindere dalla dimensione aziendale – scatta la reintegra sul posto di lavoro. Inoltre, il lavoratore ha diritto a un’indennità commisurata all'ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto, corrispondente al periodo dal giorno del licenziamento sino a quello dell'effettiva reintegrazione, dedotto quanto percepito (aliunde perceptum), nel periodo di estromissione, per lo svolgimento di altre attività lavorative.

Tutele crescenti e licenziamenti di dirigenti

Regole parzialmente diverse tra vecchi e nuovi assunti valgono anche per i licenziamenti di dirigenti, rispetto ai quali non trovano applicazione le norme sulla reintegrazione sul posto di lavoro ma vige solo una tutela economica, i cui contenuti cambiano in maniera significativa secondo il contratto collettivo nazionale applicato.

 

Allegati