Maternità. Astensione dal giorno dopo il parto, al via

Maternità. Astensione dal giorno dopo il parto, al via

Aggiornato il modello per la richiesta di fruizione del congedo di maternità: inserita l’opzione per il congedo a partire dal giorno successivo a quello del parto.

Nelle more della circolare esplicativa, l’Inps detta le prime indicazioni sulla facoltà di astenersi dal lavoro esclusivamente dopo l'evento del parto entro i cinque mesi successivi allo stesso (ex articolo 1, comma 485, della legge 30 dicembre 2018, n.145 - legge di Bilancio 2019).

Lo fa con il messaggio n. 1738 del 6 maggio 2019, non reso pubblico: fino all’emanazione della circolare operativa e degli aggiornamenti dell'applicazione "Gestione Maternità", le madri che intendano avvalersi della facoltà di astensione esclusivamente dopo l'evento del parto possono esercitare l'opzione presentando domanda telematica di indennità di maternità, spuntando la specifica opzione.

Maternità dal giorno successivo alla data effettiva del parto e per i 5 mesi successivi

L’Istituto spiega che la legge di Bilancio 2019 riconosce alle lavoratrici, in alternativa a quanto disposto dall'art. 16 del d.lgs. 151/2001 (TU maternità/paternità), "la facoltà di astenersi dal lavoro esclusivamente dopo l'evento del parto entro i cinque mesi successivi allo stesso, a condizione che il medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato e il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro."

Istanza

La domanda di maternità deve essere presentata:

  1. prima dei due mesi che precedono la data prevista del parto e, comunque, mai oltre un anno dalla fine del periodo indennizzabile (pena la prescrizione del diritto all'indennità);
  2. esclusivamente per via telematica, direttamente sul sito web istituzionale (con Pin dispositivo), tramite patronato o tramite contact center.

La documentazione sanitaria necessaria per poter fruire del congedo deve essere prodotta alla sede competente, in originale ed in busta chiusa recante la dicitura "contiene dati sensibili".

Via transitoria: funzionalità "Domande con fruizione esclusiva dopo il parto" 

Le domande non transiteranno in procedura "Gestione Maternità" fino all’emanazione della circolare operativa ed agli aggiornamenti nella piattaforma.

In via transitoria, l'applicazione "Domande di Maternità online", disponibile sulla Intranet nell'area "Prestazioni a sostegno del reddito", è stata integrata per consentire agli operatori delle Strutture territoriali di visualizzare le domande telematiche per i congedi di maternità con richiesta di fruizione esclusivamente dopo il parto.

È stata inserita la funzionalità "Domande con fruizione esclusiva dopo il parto" all'interno della voce "Liste", che permette di visualizzare e stampare la lista delle domande pervenute alla Struttura territoriale, acquisite on-line dal cittadino, dal Contact Center o dal patronato, ad esclusione di quelle annullate o con Pin non dispositivo.

Aggiornata la funzione "Calcolo congedo di maternità"

Altri aggiornamenti hanno riguardato:

  • la funzione "Calcolo congedo di maternità" per la simulazione del calcolo del congedo di maternità spettante;
  • le schede informative, i manuali d'uso utente cittadino e utente intranet disponibili (sul sito Intranet al seguente percorso: "Processi" > "Prestazioni a sostegno del reddito" > "Servizi" > "Domande di Maternità online").

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 19 novembre 2018 - Gestione Separata. Indennità di maternità/paternità e congedo parentale – Schiavone
LavoroPrevidenzaSostegno al reddito