Pace fiscale per enti sportivi. Vademecum delle Entrate

Pubblicato il



Pace fiscale per enti sportivi. Vademecum delle Entrate

Pubblicato dall’agenzia delle Entrate un vademecum che illustra l’istituto della pace fiscale per società e associazioni sportive dilettantistiche che al 31 dicembre 2017 risultavano iscritte nel registro del CONI.

Contenuto della nuova guida delle Entrate: modalità e termini di presentazione della domanda, atti definibili, pagamento, effetti, limiti.

Pace fiscale ex Dl 119/2018

La definizione agevolata delle controversie tributarie – pace fiscale - è stata introdotta dall’articolo 6 del DL n. 119/2018 e consente ai contribuenti di chiudere le liti fiscali attraverso il pagamento di una somma correlata al valore della controversia e di ammontare diverso a seconda dello stato e del grado di giudizio in cui si trova la stessa. Le liti che possono essere oggetto di pace fiscale sono quelle in cui è parte l’agenzia delle Entrate e nelle quali il ricorso in primo grado è stato notificato alla controparte entro il 24 ottobre 2018.

Pace fiscale per enti sportivi

La regolarizzazione per i suddetti soggetti - articolo 7, comma 2, lettera b), Dl 119/2018 - prevede elementi che differiscono da quelli previsti per la generalità dei contribuenti. Però, in assenza dei requisiti e delle condizioni indicate dall’articolo 7, gli enti sportivi possono comunque accedere alla definizione agevolata “generale”, disciplinata dall’articolo 6.

Pace fiscale per enti sportivi. I soggetti ammessi

Possono aderire alla pace fiscale solo le società e le associazioni sportive dilettantistiche (ex articolo 90, legge n. 289/2002) dotate del riconoscimento ai fini sportivi rilasciato dal CONI; l’iscrizione al CONI deve risultare alla data del 31 dicembre 2017.

Inoltre, spiega la guida, la definizione agevolata delle liti pendenti, per i soggetti in discorso, è prevista solo per quelle innanzi alle commissioni tributarie. Quindi, per le cause pendenti in cassazione gli enti sportivi possono avvalersi solo della definizione prevista dall’articolo 6 del DL n. 119/2018.

Pace fiscale per enti sportivi. Materie definibili

Possono essere oggetto di pace fiscale le controversie riguardanti avvisi di accertamento in materia di Ires, Irap e Iva riferite a periodi d’imposta in cui l’ente risultava iscritto nel registro del CONI.

Importante è la condizione richiesta, ossia che l’ammontare delle sole imposte in contestazione, relativamente a ciascun periodo d’imposta per il quale è stato emesso avviso di accertamento, o è pendente reclamo o ricorso, non sia superiore a 30.000 euro per ciascuna imposta (Ires o Irap) contestata. Si noti come tale limite non vige per l’Iva.

Pace fiscale per enti sportivi. Somme da versare

La definizione agevolata si ottiene versando un importo commisurato al valore della lite, a cui devono aggiungersi altri importi commisurati agli interessi e alle sanzioni irrogate.

Questi gli importi:

  • 40% del valore della lite e 5% delle sanzioni e degli interessi accertati nel caso in cui, al 24 ottobre 2018, la lite penda in primo grado;
  • 10% del valore della lite e 5% delle sanzioni e degli interessi accertati, in caso di soccombenza in giudizio dell’Amministrazione finanziaria nell’ultima o unica pronuncia giurisdizionale depositata e non ancora definitiva al 24 ottobre 2018;
  • 50% del valore della lite e 10% delle sanzioni e degli interessi accertati in caso di soccombenza in giudizio della società o associazione sportiva nell’ultima o unica pronuncia giurisdizionale depositata e non ancora definitiva al 24 ottobre 2018.

Il pagamento va effettuato tramite modello F24 (i codici tributo sono contenuti nella risoluzione agenziale n. 29/2019), nei seguenti modi:

  • in un’unica soluzione;
  • o in rate trimestrali di pari importo (massimo 20), solo se la somma da versare è superiore a 1.000 euro. Tale limite deve essere riferito all’importo netto dovuto.

Non è ammessa la compensazione.

Pace fiscale per enti sportivi. I tempi del versamento

Il versamento in un’unica soluzione o della prima rata deve avvenire entro il 31 maggio 2019.

Le altre rate hanno le seguenti scadenze: il 31 agosto, il 30 novembre, il 28 febbraio e il 31 maggio di ciascun anno a partire dal 2019.

In aggiunta, sono dovuti gli interessi legali a decorrere dal 1°giugno 2019 e fino alla data del versamento.

La definizione della procedura si ha con il pagamento, entro il 31 maggio 2019, dell’intera somma da versare (o della prima rata) e con la presentazione, nella medesima data, della domanda di accesso alla procedura.

E’ sufficiente la sola presentazione dell’istanza qualora non ci siano importi da versare.

Allegati Anche in
  • eDotto.com – Edicola dell’8 maggio 2019 - Pace fiscale, possibile nuova finestra di un mese. Srl più piccole senza obbligo di revisori – Moscioni