Paradisi fiscali, escono tre isole dalla black list Ue

Paradisi fiscali, escono tre isole dalla black list Ue

La black list fiscale Ue, creata nel dicembre 2017, è stata oggetto della consueta attività di revisione annuale.

L’esito del controllo del Consiglio dell’Unione europea è risultato il seguente:

  • Aruba, Barbados e le isole Bermuda vengono ufficialmente rimosse dalla lista Ue delle giurisdizioni fiscali non cooperative;

  • dodici giurisdizioni restano non cooperative e non trasparenti e, dunque, iscritte nella black list dei paradisi fiscali extra-Ue.

Si tartta di: Samoa americane, Belize, Dominica, Figi, Guam, Isole Marshall, Oman, Samoa, Trinidad e Tobago, Emirati arabi uniti, Isole Vergini degli Stati Uniti e Vanuatu.

Riguardo, invece, alle tre isole cancellate, da sottolineare come Barbados e le Bermuda compariranno ora solo nell'elenco delle giurisdizioni che hanno intrapreso impegni sufficienti a riformare le rispettive politiche fiscali (grey list), mentre Aruba scomparirà da entrambe le liste.

Al fine di effettuare un controllo più puntuale, il Consiglio Ue ha chiesto che, a partire dal 2020, i lavori sulla black list dei paradisi fiscali extra-Ue siano effettuati con cadenza semestrale.

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 14 marzo 2019 - Black list Ue. Precisazioni MEF sull’uscita degli Emirati Arabi Uniti – Moscioni
FiscoAccertamento