Più di 180mila cartelle verso l’annullamento

Pubblicato il



La quarta sezione della Commissione tributaria provinciale di Siracusa, con la sentenza 87/06 del 17 maggio, accogliendo il ricorso di un contribuente, afferma che per il  Fisco, avendo l’Amministrazione fatto scadere i termini per la pretesa delle imposte sospese nei confronti dei contribuenti colpiti dal sisma del 1990, è decaduto il diritto alla liquidazione e riscossione dell’imposta. Anche se i contribuenti hanno fruito delle proroghe concesse a causa del terremoto, il Fisco avrebbe dunque dovuto procedere alla richiesta nei termini. Ciò significa che sono a rischio annullamento le 180mila cartelle che i concessionari alla riscossione stanno per notificare ai contribuenti delle province di Catania, Siracusa e Ragusa, colpite dal terremoto del 1990, per gli anni 1990, 1991, 1992 (annualità per le quali, dopo la sentenza di Siracusa, non è più possibile alcuna pretesa).   

Allegati