Recepito il regime europeo dei Fondi di investimento a lungo termine

Recepito il regime europeo dei Fondi di investimento a lungo termine

Sulla “Gazzetta Ufficiale” n. 36 del 13 febbraio 2018, è stato pubblicato il decreto legislativo n. 233 del 15 dicembre 2017, che adegua la normativa nazionale al regolamento europeo Ue/2015/760, recependo una nuova figura di organismo di investimento collettivo del risparmio: il cosiddetto Eltif, ossia European Long-Term Investment Fund. Il decreto entrerà in vigore dal 28 febbraio 2018.

Nello specifico, il Dlgs n. 233/2017 modifica il Testo unico in materia di intermediazioni finanziaria (Dlgs 58/1998), inserendo all’articolo 1 la definizione di fondo di investimento europeo a lungo termine.

In tal modo, il nostro ordinamento si adegua alla disciplina comunitaria in materia di Eltif, che sono nati proprio per facilitare gli investimenti da parte di investitori istituzionali e retail in progetti che richiedono l’impiego a lungo termine di capitale.

In particolare, gli Eltif sono destinati alla raccolta di fondi, sul lungo periodo, per progetti infrastrutturali, industriali e di servizi, di edilizia abitativa o nell’ambito della ricerca e dell’istruzione.

Il nuovo regolamento, nello specifico, disciplina:

  • la commercializzazione transfrontaliera degli Eltif, sia presso gli investitori al dettaglio che presso gli investitori professionali in tutta l’Unione europea;

  • la procedura armonizzata per l’autorizzazione dei fondi di investimento a lungo termine;

  • la definizione delle politiche di investimento, con specifiche limitazioni alle attività collaterali che gli Eltif possono intraprendere (ad esempio il divieto di vendite allo scoperto o con patti di riacquisto);

  • la prevenzione dei conflitti di interessi;

  • gli obblighi di trasparenza e le condizioni di commercializzazione.

Allegati

DirittoDiritto InternazionaleDisposizioni comunitarie