Regione Piemonte, avviato il bando per interventi di welfare aziendale

Regione Piemonte, avviato il bando per interventi di welfare aziendale

Con Decreto Direttoriale n. 319 del 2 aprile 2019, la regione Piemonte ha approvato il bando per la realizzazione di misure di "Progettazione e attivazione di interventi di welfare aziendale". Obiettivo del bando è favorire l’implementazione di esperienze virtuose di welfare aziendale di secondo livello, da parte di aziende private, in risposta alla domanda di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, sviluppare e/o ottimizzare i servizi per il benessere delle lavoratrici e dei lavoratori, dei loro familiari nonché della cittadinanza in generale.

La misura, che si rivolge prioritariamente alle piccole e medie imprese, anche incoraggiando la collaborazione inter-aziendale, è finalizzata alla progettazione e implementazione, soprattutto condivisa, di servizi di welfare aziendale. Le grandi imprese possono presentare proposte progettuali, purché fortemente condivise con il territorio, anche in ATI (Associazioni Temporanee di Imprese) con PMI del territorio stesso.

Regione Piemonte, bando per welfare aziendale. Chi può partecipare?

Possono presentare domanda:

  • le piccole e medie imprese, singole o raggruppate in ATI;
  • le grandi imprese, a condizione che venga adottato un nuovo piano di welfare territoriale oppure che un piano di welfare aziendale esistente venga ampliato e messo a disposizione del territorio di riferimento.

I soggetti che presentano domanda, sia in forma singola che associata, devono avere la sede legale o unità operativa in Piemonte. I beneficiari, inoltre, devono essere operanti nei settori ammissibili del Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all’applicazione degli artt. 107 e 108 del TFUE agli aiuti di importanza minore “de minimis”.

Regione Piemonte, bando per welfare aziendale. Le aree di intervento

Le aree di intervento su cui possono insistere i progetti sono:

  • sostegno alla flessibilità degli orari di lavoro anche attraverso la sperimentazione di una modalità di lavoro indipendentemente dalla localizzazione geografica dell’ufficio o dell’azienda, quali il telelavoro o lo smart working;
  • sostegno alla fruizione di servizi educativi per l’infanzia, di cui al D.Lgs. n. 65/2017, anche mediante la stipula di convenzioni con strutture già esistenti con disponibilità di posti;
  • sostegno alla fruizione di servizi di cura di familiari anziani o non autosufficienti/disabili, anche mediante la stipula di convenzioni con soggetti del territorio quali, ad esempio, cooperative sociali di altre strutture che offrano servizi a prezzi calmierati;
  • sostegno all’erogazione di servizi aziendali, anche attraverso la creazione della figura del maggiordomo/fattorino aziendale;
  • servizi di sostegno alla maternità/paternità;
  • attivazione di percorsi di sostegno al rientro lavorativo dopo un periodo di lunga assenza per motivi di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro;
  • integrazione socio-lavorativa delle persone con disabilità;
  • iniziative di formazione/informazione inerenti alla salute delle lavoratrici e dei lavoratori e dei loro familiari.

Regione Piemonte, bando per welfare aziendale. Contributi spettanti

Il valore di ciascun progetto deve essere compreso tra un minimo di 60.000 euro e un massimo di 200.000 euro. È comunque previsto l’obbligo di un cofinanziamento da parte dei soggetti beneficiari, pari ad almeno il 20% delle spese di progetto ed esprimibile anche con attività di lavoro del proprio personale. La somma complessivamente messa a disposizione della regione Piemonte è pari a 2.500.000 euro.

Regione Piemonte, bando per welfare aziendale. Presentazione domanda

Le domande possono essere inoltrate fino alle ore 12:00 del 29 novembre 2019. A tal fine, è necessario inviare istanza, firmata digitalmente, al seguente indirizzo di Pec “famigliaediritti@cert.regione.piemonte.it”, indicando nell’oggetto: “Bando 3 welfare aziendale”.

Allegati

Anche in

  • edotto.com – Edicola del 14 novembre 2019 - Welfare aziendale. Nuovo avviso #Conciliamo – G. Lupoi
FiscoAgevolazioni