Riforma processo penale. Apertura del Guardasigilli a rilievi degli avvocati

Pubblicato il


Riforma processo penale. Apertura del Guardasigilli a rilievi degli avvocati

Si è tenuta ieri, 26 febbraio 2020, la riunione del tavolo tecnico convocato dal Guardasigilli, Alfonso Bonafede, su richiesta del CNF, in materia di riforma del processo penale.

Ai lavori, oltre al Consiglio nazionale forense, hanno partecipato l’Organismo congressuale forense, l’Unione delle camere penali, l’Associazione italiana dei giovani avvocati.

CNF: confronto irrinunciabile per giungere a testo condiviso 

Nel corso dell’incontro, il CNF, a mezzo del proprio presidente, Andrea Mascherin, ha sottolineato l’importanza e l’irrinunciabilità del metodo del confronto, manifestando la certezza che, una volta salvaguardati i presìdi della difesa, sarà possibile giungere a un testo che può trovare la condivisione dell’Avvocatura, “salvo, naturalmente, il tema della prescrizione su cui, come si sa, le distanze paiono allo stato non colmabili”.

Secondo quanto si apprende, il ministro avrebbe rassicurato che il testo di riforma penale “non è blindato” e che potrà essere ritoccato nell’ambito dei lavori parlamentari.

UCPI: ribadite le critiche sul nuovo testo

Per gli avvocati penalisti, l’UCPI ha ribadito le proprie radicali critiche al testo di riforma del processo penale approvato dal CDM, per come ricapitolate in un documento consegnato al Guardasigilli.

Secondo le Camere penali, in particolare, qualsiasi intervento sulla ragionevole durata del processo dovrebbe prevedere, in primis, il rilancio dei riti alternativi.

Sarebbero da abrogare, dunque, le ostatività relative al patteggiamento e, parimenti, si dovrebbe abbandonare ogni riferimento a criteri di economia processuale per l’ammissione al rito abbreviato condizionato.

Ribadito, dall’Unione, il no a deroghe ai principi di oralità ed immediatezza e alla necessità di procedere nuovamente all’istruttoria dibattimentale in caso di mutamento del giudice.

Da salvaguardare, infine, lo strumento dell’appello.

E’ quanto si legge in un comunicato diffuso ieri, subito dopo l’incontro, dall'UCPI.

Nella nota, viene sottolineato che il ministro Bonafede, durante il tavolo tecnico, avrebbe confermato la massina attenzione alle obiezioni sollevate dai penalisti.

Bonafede attento ai rilievi, distanze sulla prescrizione

Lo stesso Bonafede avrebbe assicurato che i rilievi contenuti nel documento UCPI sarebbero stati sottoposti all’ufficio legislativo del proprio dicastero, per divenire oggetto della interlocuzione politica delle prossime settimane.

Sul fronte della prescrizione, invece, l’Unione conferma l’inconciliabilità delle rispettive posizioni.

Allegati Anche in
  • edotto.com – Punto & Lex del 18 febbraio 2020 - Riforma penale. Convocato tavolo, avvocati insoddisfatti del Ddl – Pergolari
  • edotto.com – Punto & Lex del 14 febbraio 2020 - Processo penale e ritocco prescrizione. Sì dal Cdm – Pergolari