Rottamazione ter. Modelli sul sito Ader

Pubblicato il



Rottamazione ter. Modelli sul sito Ader

La rottamazione ter - definizione agevolata 2018, ex Decreto Legge n. 119/2018 - trova i modelli per l'adesione: sono online sul portale agenzia delle Entrate-Riscossione (Ader) e presso gli sportelli della stessa.

Con l'istanza scatta la sospensione dei termini di prescrizione e decadenza, la sospensione degli obblighi di pagamento di dilazioni già concesse e il divieto di avviare nuove procedure cautelari (fatti salvi i fermi e le ipoteche già iscritte) ed esecutive.

I modelli sono due

Ai fini dell'adesione, entro il 30 aprile 2019, possono essere presentati via Pec o presso gli sportelli Ader (su tutto il territorio nazionale, esclusa la regione Sicilia), con allegata copia del documento di identità del debitore:

  1. il modello DA-2018, utilizzabile per i carichi affidati alla riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017;
  2. il modello DA-2018-D destinato ai contribuenti che intendono definire in maniera agevolata i debiti affidati alla riscossione a titolo di risorse proprie dell’Unione Europea.

L’elenco delle caselle Pec competenti per territorio è disponibile sul portale e riportato a pagina 4 dei modelli di adesione.

Nella sezione del portale Ader dedicata alla definizione agevolata - Home > Per saperne di più > Definizione agevolata - sono consultabili le due guide alla compilazione dei modelli e le Faq.

Rateizzazione, 10 rate se non specificato

Tra le novità rispetto ai moduli delle precedenti rottamazioni: in caso di omessa indicazione da parte del debitore del numero di rate si presume la scelta di 10 rate, salva la facoltà di pagare tutto in una unica soluzione.

Si ricorda che si può dilazionare fino a un massimo di 5 anni, in 10 rate consecutive con prima scadenza 31 luglio 2019. Poi le rate avranno scadenza il 31 luglio e il 30 novembre di ciascun anno.

Rottamazione bis

La rottamazione ter interessa i carichi affidati all’Agente della riscossione nel periodo dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017. Vi rientra anche chi ha aderito alla rottamazione-bis (DL 148/2017).

Chi è in regola con i pagamenti delle rate di luglio, settembre e ottobre 2018 o provvede al saldo delle predette rate - con i bollettini ricevuti con la “Comunicazione delle somme dovute” - entro il 7 dicembre 2018, accede automaticamente ai benefici previsti dalla “rottamazione-ter”: l’importo residuo sarà suddiviso in dieci rate (5 anni) di pari importo con scadenza 31 luglio e 30 novembre di ogni anno a partire dal 31 luglio 2019.

Dunque, non è necessario presentare per gli stessi carichi alcuna dichiarazione di adesione e saranno automaticamente ammessi ai benefici della “rottamazione-ter”.

Allegati Anche in
  • eDotto.com - Edicola del 3 novembre 2018 - Decreto fiscale. Cndcec, sanatoria anche per omessi versamenti delle imposte dichiarate - G. Lupoi