Terzo settore. Finanziamenti a reti associative per più soggetti

Pubblicato il



Terzo settore. Finanziamenti a reti associative per più soggetti

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, attraverso l’atto di indirizzo adottato con decreto n. 141 del 2 agosto 2022 – registrato dalla Corte dei Conti – ha individuato gli obiettivi generali, le aree prioritarie di intervento e le linee di attività finanziabili attraverso il fondo di cui all'art. 72 del Codice del terzo Settore (D.lgs. n. 117/2017) per l'annualità 2022.

Nello specifico, il Fondo è destinato a sostenere, anche attraverso le reti associative, lo svolgimento di attività di interesse generale costituenti oggetto di iniziative e progetti promossi da organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e fondazioni del Terzo settore, iscritti nel Registro unico nazionale del Terzo settore.

Le risorse abbinate al Fondo ammontano a 20 milioni di euro.

Con l'Avviso 3/2022 – adottato con decreto direttoriale n. 236 del 27 settembre 2022 - sono disciplinati i criteri di accesso al contributo, le modalità di assegnazione ed erogazione dello stesso e le procedure di rendicontazione del finanziamento.

Finanziamento di progetti degli ETS: destinatari

A beneficiare delle risorse sono le reti associative di cui all’articolo 41, comma 1, lettera a) del CTS, iscritte nella corrispondente sezione del RUNTS ed insieme iscritte nella sezione “organizzazioni di volontariato “o nella sezione “associazioni di promozione sociale“ del medesimo Registro.

A fornire maggiori chiarimenti in ordine ai soggetti ammessi a partecipare, è intervenuta una Faq ministeriale del 4 ottobre 2022 la quale specifica che si intedono compresi:

  • gli enti inclusi nell’elenco pubblicato dal Ministero, che possono operare in via transitoria in qualità di reti associative;
  • le reti associative presenti all’interno del Consiglio nazionale del Terzo settore, in possesso dei requisiti di cui all’art. 41, comma 1, lettera a) del Codice del Terzo settore, ossia che associno almeno 100 Ets/20 fondazioni.

Dunque, il ministero del lavoro include tra i beneficiari gli enti associativi iscritti al preesistente registro nazionale delle associazioni di promozione sociale o ai registri regionali delle organizzazioni di volontariato che, alla data del 20 ottobre 2022, soddisfano i requisiti suddetti.

Con riferimento a questi ultimi, si aggiunge che dovranno allegare alla domanda di partecipazione l’elenco degli enti del Terzo settore aderenti ai medesimi, con l’indicazione, per ciascun ente aderente, del codice fiscale, del registro di iscrizione di riferimento e della Regione o della Provincia autonoma ove si trova la sede legale o operativa.

Contributo

Il contributo sarà assegnato ai beneficiari secondo le seguenti modalità:

  • Quota fissa (uguale per tutti gli enti beneficiari): 5.000.000,00/ totale nr. Beneficiari;
  • Quota variabile proporzionale alle dimensioni finanziarie ed organizzative dei beneficiari: 7.500.000,00 da ripartire in base al volume delle entrate dell’ultimo bilancio approvato secondo apposite formule.

Contenuti del programma di attività

Il programma dovrà prevedere una o più delle seguenti attività:

1. attività di coordinamento, tutela, rappresentanza, promozione o supporto delle ODV, APS e fondazioni enti del Terzo settore ad esse associate e delle loro attività di interesse generale;

2. monitoraggio dell'attività delle ODV, APS e fondazioni enti del Terzo settore ad esse associate, anche con riguardo al suo impatto sociale;

3. promozione e sviluppo delle attività di controllo, anche sotto forma di autocontrollo e di assistenza tecnica nei confronti delle ODV, APS e fondazioni enti del Terzo settore ad esse associate.

NOTA BENE: Il programma dovrà riguardare dette attività ricadenti nel periodo 23 agosto 2022 - 31 dicembre 2023.

Domanda di ammissione al contributo

Per concorrere al riparto del contribuito è necessario presentare apposita domanda utilizzando la modulistica che accompagna l’Avviso n. 3/2022.

La domanda deve essere accompagnata dalla copia dell’ultimo bilancio consuntivo approvato o, in alternativa, va indicato che lo stesso è pubblicato sul proprio sito internet e fornire l’URL di riferimento.

SCADENZA: L’invio di quanto richiesto va fatto all’indirizzo PEC ‘dgterzosettore.div3@pec.lavoro.gov.it’ entro le ore 18.00 del 20 ottobre 2022.

Erogazione del contributo

Dopo le previste verifiche di ammissibilità della domanda, sarà disposta l’attribuzione dei contributi agli enti assegnatari. Il provvedimento di approvazione della graduatoria sarà pubblicato sul sito internet istituzionale del Ministero nella sezione “Pubblicità legale”, con valore di notifica per tutti i soggetti interessati alla procedura di cui al presente Avviso.

Il contributo sarà erogato in un’unica soluzione, previa presentazione di idonea fideiussione a garanzia del contributo concesso.
Allegati