“Toccare la caviglia è tentata violenza”

Pubblicato il



Il tentativo di violenza sessuale è configurabile anche “in mancanza di contatto fisico tra imputato e persona offesa”. E’ quanto stabilito dalla Corte di cassazione con la sentenza n. 26766 con cui è stata confermata la sentenza che condannava un uomo per aver pedinato una ragazza sino al portone di casa e averla poi afferrata per un polpaccio.
Allegati