Tipologie contrattuali

Lavoro occasionale dal 24.6.2017

22/10/2018

Nonostante la nuova disciplina del lavoro occasionale sia in vigore dal 24 giugno 2017, solo dal 10 luglio 2017 è pienamente operativa la procedura INPS per poter acquistare ed utilizzare il Libretto di Famiglia e le Prestazioni Occasioni (c.d. Prest.O.) che vanno a sostituire i vecchi voucher. Aggiornato alla circolare INPS n. 103/2018 relativa alle novità nei settori agricoltura e turismo.

Tipologie contrattuali

Somministrazione dal 14.7.2018

27/08/2018

Il contratto di somministrazione di lavoro è il contratto, a tempo indeterminato o determinato, con il quale  un'agenzia di somministrazione autorizzata, ai sensi del D.Lgs. n. 276/2003, mette a disposizione di un  utilizzatore uno o più lavoratori suoi dipendenti, i quali, per tutta la ..................

Tipologie contrattuali

Contratto a tempo determinato dal 14.7.2018

27/08/2018

Aggiornato con il D.L. 87/2018. Il contratto a termine avente una durata non superiore a dodici mesi può essere stipulato senza causale giustificatrice. Il contratto a termine può avere una durata superiore a dodici mesi solo in presenza di almeno una delle seguenti condizioni: ....................

Tipologie contrattuali

Contratto di apprendistato dal 25.6.2015

11/12/2017

Aggiornato con: interpello n. 5/2017 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

L’apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani.

Il contratto di apprendistato si articola nelle seguenti tipologie:

 

  1. apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore (da ora apprendistato di 1° livello);

  2. apprendistato professionalizzante (da ora apprendistato di 2° livello);

  3. apprendistato di alta formazione e ricerca (da ora apprendistato di 3° livello).

Tipologie contrattuali

Le collaborazioni coordinate e continuative dal 25.6.2015

26/07/2017

La collaborazione coordinata e continuativa è, dalla dottrina prevalente, classificata come una figura intermedia tra subordinazione (art. 2094 c.c.) e autonomia (art. 2222 c.c.) e i rapporti di co.co.co. sono rapporti caratterizzati da prestazione personale, non a carattere subordinato, d’opera non occasionale, ma continuativa e coordinata col committente.

Tipologie contrattuali

Lavoro accessorio dal 25.6.2015

27/03/2017

Autore Rossella Schiavone - Funzionario del Ministero del Lavoro ed esperta di diritto del lavoro* *Le considerazioni contenute nel presente contributo sono frutto esclusivo del pensiero dell’Autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di...

Tipologie contrattuali

Somministrazione dal 25.6.2015

09/11/2015

Aggiornato con il D.Lgs. n. 81/2015, articoli da 30 a 40; D.Lgs. n. 276/2003, art. 18, commi 1 e 2.

Il contratto di somministrazione di lavoro è il contratto, a tempo indeterminato o determinato, con il quale un'agenzia di somministrazione autorizzata, ai sensi del D.Lgs. n. 276/2003, mette a disposizione di un  utilizzatore uno o più lavoratori suoi dipendenti, i quali, per tutta la durata della missione, svolgono la propria attività nell'interesse e sotto la direzione ed il controllo dell'utilizzatore. 

Tipologie contrattuali

Contratto di lavoro intermittente dal 25.6.2015

21/10/2015

Il contratto di lavoro intermittente è un contratto che può essere a tempo indeterminato o determinato, mediante il quale un lavoratore si pone a disposizione di un datore di lavoro che ne può utilizzare la prestazione lavorativa in modo discontinuo o intermittente secondo le esigenze individuate dai contratti collettivi, anche con riferimento alla possibilità di svolgere le prestazioni in periodi predeterminati nell'arco della settimana, del mese o dell'anno. I contratti collettivi che devono individuare le esigenze, sono i contratti collettivi nazionali, territoriali o aziendali stipulati ...

Tipologie contrattuali

Contratto a tempo determinato dal 25.6.2015

08/10/2015

La durata massima dei contratti a tempo determinato, intercorsi fra lo stesso lavoratore e lo stesso datore di lavoro, per effetto di successione di contratti, è pari a 36 mesi, e, ai fini del raggiungimento del suddetto tetto,  vanno conteggiati:

  • i contratti conclusi per lo svolgimento di mansioni di pari livello e categoria legale e non più qualsiasi mansione;
  • i periodi di missione aventi ad oggetto mansioni di pari livello e categoria legale, svolti tra i medesimi soggetti, nell'ambito di somministrazioni di lavoro a tempo determinato.
Tipologie contrattuali