Archivio dei rapporti finanziari, le regole per il trattamento dei dati

Pubblicato il



Archivio dei rapporti finanziari, le regole per il trattamento dei dati

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 1° luglio 2022, il decreto MEF datato 28 giugno 2022, in attuazione dell’art. 1, comma 683, della Legge n. 160/2019, relativo al trattamento dei dati contenuti nell’archivio dei rapporti finanziari.

Archivio dei rapporti finanziari, cosa è

L’archivio dei rapporti finanziari è una banca dati dell’Anagrafe tributaria che contiene al suo interno tutte le informazioni che gli operatori finanziari devono sistematicamente trasmettere al Fisco.

Si tratta di una banca dati di notevoli dimensioni, in cui sono contenuti i dati identificativi e contabili di tutti i soggetti titolari di rapporti di conto corrente o di deposito, istituita al fine di rendere più efficiente l’attività di controllo dell’Amministrazione finanziaria.

L’obbligo, per gli operatori finanziari, di comunicare all’Anagrafe tributaria le informazioni sui saldi e sulle movimentazioni dei rapporti attivi dei contribuenti italiani, è stato introdotto dal Decreto Legge 201/2011.

La comunicazione dei dati al Fisco deve essere effettuata attraverso il SID (Sistema di interscambio dati).

In tale archivio devono essere registrati i dati anagrafici dei titolari e dei soggetti che:

  • hanno in essere qualsiasi rapporto con gli operatori finanziari;
  • realizzano operazioni al di fuori di un rapporto continuativo per conto proprio o in favore di terzi.

Obiettivo dell’archivio è quello di prevenire e contrastare l’evasione e l’elusione fiscale mediante l’individuazione di adeguati criteri di rischio utili ad indirizzare i controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate e della Guardia di finanza, e per favorire l’adempimento spontaneo.

Le informazioni che devono essere riportate nell’archivio dei rapporti finanziari sono:

  • il codice fiscale;
  • il totale delle situazioni di dare e avere delle movimentazioni dei rapporti previsti all’articolo 7, comma 6, del DPR 29 settembre 1973, n. 605;
  • ogni informazione inerente ai fini dei controlli fiscali (es. giacenza media annua, depositi, conti correnti).

Trattamento dei dati contenuti nell'archivio dei rapporti finanziari

Con il decreto ministeriale dello scorso 28 giugno, il MEF ha individuato, ai sensi dell'art. 1, comma 683, della Legge 27 dicembre 2019, n. 160:

  • le disposizioni relative al contenuto minimo necessario di cui all’art. 23, paragrafo 2, del regolamento che istituisce l’archivio dei rapporti finanziari;
  • i limiti relativi agli obblighi e ai diritti previsti dagli articoli 15-18 e 21 del regolamento;
  • le regole di esercizio, nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali degli interessati;
  • le idonee misure di tutela dei diritti e delle libertà degli interessati, tra cui quelle in materia di sicurezza, di controlli di qualità dei dati e sulle programmazioni logiche adoperate, nonché le modalità indirizzate a diminuire il rischio di inesatta raffigurazione della capacità contributiva.

Per il perseguimento delle finalità di prevenzione e contrasto all’evasione e all’elusone fiscale, sono trattati dati personali comuni, contenuti nelle banche dati, relativi all'identità anagrafica ed alla capacità economica, tra cui dati riguardanti le dichiarazioni fiscali, il patrimonio mobiliare e immobiliare, dati contabili e finanziari, dati dei pagamenti, dei versamenti e delle compensazioni, nonchè i dati di profilazione relativi agli eventuali indicatori di rischio desunti o derivati attribuiti ai soggetti; non sono oggetto di trattamento nei dataset i dati di cui all'art. 9 del regolamento.

Specifica, inoltre, il provvedimento che i dataset sono conservati fino al secondo anno successivo a quello in cui matura la decadenza della potestà impositiva e, comunque, fino alla definizione di eventuali giudizi. Nel corso dei due anni successivi a quello in cui matura la decadenza della potestà impositiva l’Agenzia e la Guardia di finanza adottano misure di garanzia adeguate ad escludere il trattamento dei dati contenuti nei dataset per finalità diverse dall’esercizio del diritto di accesso.

Allegati