Autoliquidazione 2015/2016 per il settore Navigazione

Pubblicato il


Autoliquidazione 2015/2016 per il settore Navigazione

Con nota prot. n. 9036 del 21 dicembre 2015, l’INAIL ha fornito le istruzioni relative all’autoliquidazione 2015/2016 per il settore Navigazione riservandosi, per quanto riguarda il pagamento in quattro rate del premio di autoliquidazione, di comunicare il tasso di interesse da applicare alla seconda, terza e quarta rata, quando sarà reso noto il tasso medio di interesse dei titoli di Stato per l’anno 2015.

Sottolinea l’Istituto che le imprese armatoriali devono effettuare gli adempimenti relativi all’autoliquidazione annuale dei premi esclusivamente con modalità telematiche, utilizzando i servizi online del Settore.

Gli armatori devono trasmettere per via telematica la dichiarazione annuale delle retribuzioni e versare il relativo importo alla competente Sede compartimentale tramite MAV bancario che deve essere generato attraverso l’applicativo “Pagamenti Contributi on-line” attivo solo per il settore marittimo.

Ricorda la nota n. 9036/15 che:

  • il 16 febbraio 2016 scade il termine per il versamento da parte delle imprese di armamento del premio definitivo per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali dovuto per l’anno 2015 e del premio provvisorio anticipato dovuto per l’anno 2016;
  • il 29 febbraio 2016 scade il termine per l’invio telematico della denuncia delle retribuzioni attraverso l’apposito applicativo “Autoliquidazioni Infortuni”;
  • il 29 febbraio 2016 scade il termine per inviare tramite il servizio di “Autoliquidazione Infortuni” la comunicazione motivata di riduzione delle retribuzioni presunte, per i datori di lavoro che prevedono di erogare nel 2016 retribuzioni inferiori a quelle effettivamente corrisposte nell’anno precedente e che possono quindi calcolare la rata di premio sul minore importo presunto ai sensi dell’art. 28, comma 6, del D.P.R. n. 1124/65.

Le imprese che vogliono usufruire della rateazione in quattro rate del premio risultante dall’autoliquidazione 2015/2016, con maggiorazione degli interessi sulle rate successive alla prima calcolati applicando il tasso medio di interesse dei titoli di Stato nell’anno precedente, devono barrare l’apposita casella del modello telematico nel servizio online “Autoliquidazione Infortuni”.

Allegati Anche in
  • eDotto.com – Edicola del 9 dicembre 2015 - Armatore estero e codice fiscale ai fini INAIL – Redazione eDotto