Pensioni, avvio ricalcolo automatizzato indennità di frequenza

Pubblicato il



Pensioni, avvio ricalcolo automatizzato indennità di frequenza

Con il messaggio del 30 novembre 2022, n. 4315, l’Istituto Previdenziale comunica che è stato avviato il nuovo processo di ricalcolo automatizzato centralizzato delle indennità di frequenza per l’anno scolastico 2021/2022.

Con riferimento agli interventi attuati nell’ambito del PNRR, il processo di ricalcolo pensionistico automatizzato rientra in una delle strategie adottate dall’Inps al fine di perseguire il cambiamento organizzativo nonché rendere più efficienti i processi in cui sono coinvolti diversi attori per la definizione di iter amministrativi e/o sanitari complessi.

Per l’invalidità civile, il ricalcolo automatico è stato implementato per:

  • l’assenza a visita di revisione;
  • la revoca sanitaria su visita di revisione;
  • la sospensione per irreperibilità comunicata dall’ultimo Comune di residenza.

Precedentemente, ai fini del ricalcolo delle indennità di frequenza sospese nel periodo estivo si richiedevano:

  • una serie di adempimenti da parte del cittadino (tra cui l’onere di attestare la frequenza scolastica tramite la domanda di ricostituzione della pensione);
  • l’intervento dell’operatore della Struttura territoriale competente per verificare la documentazione prodotta e il ricalcolo della prestazione, con la conseguente estensione delle tempistiche per la chiusura dell’istruttoria.

Nuovo processo del ricalcolo delle indennità di frequenza sospese

Con l’avvio del nuovo processo automatizzato e il conseguente accentramento del procedimento amministrativo, non risultano più necessari gli interventi a carico del cittadino e dell’operatore della struttura competente.

Le fasi del ricalcolo automatizzato delle indennità di frequenza sospese sono quattro:

  • estrazione dei dati relativi ai minori titolari di indennità di frequenza sospesa;
  • acquisizione d’ufficio delle informazioni sulla frequenza scolastica attraverso colloquio informatico con il Ministero dell'Istruzione e del merito;
  • ricalcolo della prestazione;
  • notifica dell’avvenuto ricalcolo;

Il sistema effettuerà automaticamente i controlli per accertare che il titolare della prestazione:

  • non sia deceduto;
  • risulti frequentante;
  • non sia titolare di un’altra prestazione di invalidità civile;
  • abbia un tutore o rappresentare legale;
  • abbia la residenza in Italia.

NOTA BENE: Le Strutture Territoriali potranno consultare le indennità di frequenza accedendo al cruscotto “Monitoraggio delle liquidazioni automatiche”, all’interno della procedura “Scadenzario Invalidità Civile”.

Allegati