Bonus Sud, nuove risorse per le assunzioni dal 1° maggio 2019

Pubblicato il


Bonus Sud, nuove risorse per le assunzioni dal 1° maggio 2019

Nuove risorse economiche per le assunzioni operate dal 1° maggio al 31 dicembre 2019. Infatti, nell’ambito dell’Incentivo Occupazione Sviluppo Sud (cd. “Bonus Sud”) sono stati riassegnati 60 milioni di euro per le assunzioni effettuate nel predetto periodo, il cui limite di 120 milioni, esauritosi il 23 settembre scorso, sale a 180 milioni di euro. Viceversa, le risorse relative alle assunzioni effettuate dal 1° gennaio al 30 aprile 2019, il cui limite inizialmente era pari a 200 milioni di euro, scende proporzionalmente a 140 milioni di euro.

La riassegnazione delle risorse economiche è stata operata dall’ANPAL, con Decreto Direttoriale n. 429 del 10 ottobre 2019.

Bonus Sud, campo di applicazione

La Legge di Bilancio 2019 (L. n. 145/2018) ha disposto la proroga – anche per il 2019 – dello sgravio contributivo previsto in favore delle aziende del Mezzogiorno che assumano lavoratori con contratto a tempo indeterminato.

L’agevolazione opera esclusivamente per i datori di lavoro che si trovino:

  • nelle regioni “meno sviluppate” (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia);
  • nelle regioni “in transizione” (Abruzzo, Molise, Sardegna).

Inizialmente l'incentivo, con il budget di 120 milioni di euro, operava limitatamente alle assunzioni dal 1° maggio al 31 dicembre 2019. Successivamente, il “Decreto Crescita” (D.L. n. 34/2019, convertito con modificazioni in L. n. 58/2019) ha esteso l’agevolazione anche alle assunzioni effettuate nei primi quattro mesi del 2019, con un ulteriore finanziamento di 200 milioni di euro.

Bonus Sud, lavoratori beneficiari e importo

Possono essere assunti:

  • lavoratori di età compresa tra i 16 e i 34 anni di età (intesi come 34 e 364 giorni), in stato di disoccupazione (art. 19 del D.Lgs. n. 150/2015);
  • lavoratori con 35 anni di età, e oltre, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, ai sensi del Decreto (Lavoro) del 17 ottobre 2017.

L'incentivo è pari ai contributi INPS a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi INAIL, per 12 mesi dall'assunzione, fino a massimo 8.060 euro per assunzione e va fruito, a pena di decadenza, entro il 28 febbraio 2021.

Bonus Sud, domande ko per risorse esaurite

Nei giorni scorsi gli operatori del settore hanno lamentato di ricevere continui esiti negativi dal sistema INPS, in relazione all’invio delle domande volte a ottenere il predetto beneficio. Il problema era principalmente legato a una errata ripartizione dei fondi, in quanto le risorse economiche destinate alle assunzioni decorrenti dal 1° maggio 2019 risultavano esaurite.

Di conseguenza, l'ANPAL rimodula i fondi, portando il limite:

  • da 120 a 180 milioni di euro, per le assunzioni effettuate dal 1° maggio al 31 dicembre 2019;
  • da 200 a 140 milioni di euro, per le assunzioni effettuate dal 1° gennaio al 30 aprile 2019.
Allegati Anche in
  • edotto.com – Edicola dell’8 agosto 2019 - Bonus Sud, agevolazione contributiva da confermare entro 10 giorni – Bonaddio