Codice rosso per violenza domestica e di genere

Codice rosso per violenza domestica e di genere

Primo sì dal Consiglio dei ministri al disegno di legge che introduce misure penali di tutela per le vittime di violenza domestica e di genere.

Il Consiglio dei ministri, nella seduta del 28 novembre 2018, ha approvato il testo dell’annunciato Ddl recante modifiche al Codice di procedura penale, attraverso disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere.

Il provvedimento, al fine di garantire una maggiore tutela alle vittime dei reati di maltrattamento, violenza sessuale, atti persecutori e lesioni, commesse in contesti familiari o nell’ambito di relazioni di convivenza, interviene assicurando la tempestività dell’adozione di interventi cautelari o di prevenzione.

Corsia preferenziale penale nella lotta alla violenza sulle donne

Il DDL, denominato codice rosso, introduce l’obbligo, per la polizia giudiziaria, di comunicare immediatamente al PM anche le notizie relative ai citati reati.

In presenza di notizie riguardanti queste fattispecie delittuose, ovvero, viene sancita una presunzione di urgenza, per cui la polizia giudiziaria dovrà comunicare il fatto al pubblico ministero “senza ritardo”.

Inoltre, si prevede che la vittima abbia diritto ad essere ascoltata entro tre giorni.

Per gli operatori di polizia, dell’arma dei carabinieri e del corpo di polizia penitenziaria verrà resa obbligatoria una formazione specifica volta a consentire l’acquisizione di cognizioni necessarie a trattare i casi di violenza domestica e di genere.

Anche in

  • eDotto.com – Punto & Lex 28 novembre 2018 - DDL a tutela delle vittime di violenza domestica – Pergolari
DirittoDiritto PenaleDelitti e contravvenzioniProcessuale penale
festival del lavoro