Come accedere alla Dichiarazione 730 precompilata

Come accedere alla Dichiarazione 730 precompilata

L’agenzia delle Entrate, con provvedimento del 7 aprile 2017, ha fornito le indicazioni per accedere alla dichiarazione precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati.

I destinatari della dichiarazione 730 precompilata sono i lavoratori dipendenti, i pensionati e i titolari di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente.

La data a partire dalla quale è possibile accedere ai dati è il 18 aprile (martedì) in quanto il 15 aprile, data prevista, cade di sabato, ed il 16 e il 17 sono giornate festive.

Dati che si trovano nella precompilata

A partire dall’anno di imposta 2016, sono inseriti nella precompilata i dati dei seguenti oneri detraibili e deducibili, comunicati da soggetti terzi:

  • quote di interessi passivi e relativi oneri accessori per mutui in corso
  • premi di assicurazione sulla vita, causa morte e contro gli infortuni
  • contributi previdenziali e assistenziali
  • contributi versati per gli addetti ai servizi domestici e all’assistenza personale o familiare
  • spese sanitarie e relativi rimborsi
  • spese veterinarie
  • spese universitarie e relativi rimborsi
  • contributi versati alle forme di previdenza complementare
  • spese funebri
  • spese relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e agli interventi finalizzati al risparmio energetico.

All’interno del 730 precompilato si trovano, inoltre, i dati relativi alle spese da ripartire su diverse annualità ricavabili dalla dichiarazione presentata dal contribuente per l’anno precedente.

Per quanto riguarda gli oneri portati in detrazione o deduzione sostenuti nell’interesse dei familiari fiscalmente a carico, è importante il chiarimento contenuto nel provvedimento secondo cui l’individuazione dei familiari da considerare fiscalmente a carico avviene esclusivamente sulla base delle informazioni che sono comunicate dai sostituti d’imposta con le Certificazioni Uniche trasmesse all’Agenzia.

Modalità di accesso al 730 precompilato

Il provvedimento prot. 69483 del 7 aprile 2017 stabilisce che le modalità per accedere alle dichiarazioni precompilate sono:

  • accesso diretto da parte del contribuente
  • accesso da parte del sostituto d’imposta che presta assistenza fiscale, del Caf o del professionista abilitato.

L’accesso diretto può avvenire:

  • tramite le credenziali dispositive Fisconline;
  • con la Carta nazionale dei servizi (Cns);
  • usando l’identità Spid (Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale);
  • con le credenziali dispositive rilasciate dall’Inps o dalla Guardia di finanza o dal sistema informativo di gestione e amministrazione del personale della pubblica amministrazione (NoiPa);
  • con le credenziali rilasciate da altri soggetti individuati con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate.

Dopo aver effettuato l’accesso, il contribuente può muoversi nelle seguenti direzioni:

  • visualizzare e stampare il documento
  • accettare o modificare, anche integrando, i dati contenuti nella dichiarazione, ed effettuare l’ invio
  • versare le somme eventualmente dovute mediante modello F24 già compilato con i dati relativi al pagamento da eseguire
  • indicare le coordinate del conto corrente bancario o postale sul quale accreditare l’eventuale rimborso (nei casi di presentazione della dichiarazione in mancanza di un sostituto d’imposta tenuto a effettuare il conguaglio)
  • consultare le comunicazioni, le ricevute e la dichiarazione presentata nonché dei soggetti delegati ai quali è stata resa disponibile la dichiarazione precompilata
  • indicare un indirizzo di posta elettronica presso cui ricevere eventuali comunicazioni.

I contribuenti che non desiderano accedere direttamente alla propria dichiarazione precompilata possono avvalersi del sostituto d’imposta, del Caf e di un professionista abilitato.

E’ però necessario che tali soggetti si muniscano della delega specifica del contribuente, che deve contenere i seguenti dati:

  • codice fiscale e dati anagrafici del contribuente;
  • anno d’imposta cui si riferisce la dichiarazione 730 precompilata;
  • data di conferimento della delega;
  • indicazione che la delega si estende, oltre all’accesso alla dichiarazione, anche alla consultazione dell’elenco delle informazioni relative alla stessa.

I sostituti d’imposta possono accedere alla dichiarazione avvalendosi dei soggetti incaricati della presentazione telematica delle dichiarazioni dei redditi (quali dottori commercialisti, ragionieri, periti commerciali e consulenti del lavoro).

I Caf e i professionisti abilitati possono nominare propri dipendenti come operatori incaricati di effettuare l’accesso alle dichiarazioni precompilate.

Invio della dichiarazione

Il contribuente che ha effettuato l’accesso alla precompilata può inviare telematicamente la dichiarazione accettata o modificata o integrata a partire dal 2 maggio.

L’Agenzia entro cinque giorni fornisce un’apposita ricevuta contenente la data di presentazione della dichiarazione ed il riepilogo dei principali dati contabili.

 

Links

Anche in

  • eDotto.com – Edicola 5 aprile 2017 - Dichiarazioni Visto di conformità Prima circolare-guida – G. Lupoi
Modello 730Modelli di dichiarazione e di versamentoDichiarazioniFisco