COVID-19, via libera a CIGO e CIGS nella “zona rossa”

Pubblicato il


COVID-19, via libera a CIGO e CIGS nella “zona rossa”

Nella giornata di venerdì 28 febbraio 2020, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente, Giuseppe Conte, e del Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, ha approvato un decreto legge che introduce misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

In particolare, le disposizioni introdotte mirano ad assicurare un primo necessario supporto economico ai cittadini e alle imprese che affrontano problemi di liquidità finanziaria a causa dell’emergenza sanitaria internazionale dichiarata dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Epidemia COVID-19, potenziamento degli ammortizzatori sociali

Il decreto legge interviene nelle cd. “zone rosse” con i seguenti provvedimenti:

  • CIGO per le unità produttive operanti nei Comuni su elencati e per i lavoratori ivi domiciliati (il ricorso alla cassa integrazione è esteso ai datori di lavoro iscritti al Fondo di integrazione salariale);
  • possibilità di sospensione della CIGS per le imprese che vi avessero fatto ricorso prima dell’emergenza sanitaria e sostituzione con la CIGO;
  • CIGD per i datori di lavoro del settore privato, compreso quello agricolo, con unità produttive operanti nei comuni elencati e per i lavoratori ivi domiciliati, che non possano beneficiare dei vigenti strumenti di sostegno al reddito, per la durata della sospensione del rapporto di lavoro e comunque per un periodo massimo di tre mesi;
  • indennità di 500 euro al mese, per un massimo di tre mesi, per i lavoratori che hanno rapporti di co.co.co., per gli agenti commerciali, per i professionisti e per i lavoratori autonomi (compresi i titolari di attività di impresa iscritti all’Assicurazione generale obbligatoria) domiciliati o che svolgono la propria attività nei comuni elencati, parametrata alla effettiva durata della sospensione dell’attività.
Allegati Anche in
  • edotto.com – Edicola del 2 marzo 2020 - Emergenza COVID-19. Nuove date per 730 e CU – Pichirallo