Decreto Agosto, tra slittamenti e moratorie

Pubblicato il


Decreto Agosto, tra slittamenti e moratorie

Il decreto Agosto prende forma. Dal lato fisco provvederà ad allungare le scadenze dei prossimi mesi attraverso proroghe per le imposte sospese nei mesi di marzo, aprile e maggio per l’emergenza COVID-19.

Lo scenario che si prospetta vede il pagamento del 50% delle imposte entro l’anno e il 50% spalmato nel 2021 e 2022.

Probabile una nuova moratoria per mutui, cartelle di pagamento, ipoteche e pignoramenti, spostati a novembre.

E l’allungamento del periodo di sospensione dei pagamenti all’agente della riscossione, dovrà essere accompagnato da misure che impediscano, alla ripresa dei pagamenti forse a novembre, l’imbuto delle rate.

Decreto Agosto. Tracciabilità

Torna in cima all’elenco degli interventi la lotta all’evasione attraverso incentivi all’uso della moneta elettronica: verrà riproposta la misura che era stata fermata dal COVID-19 del premio per i contribuenti che acquistano con mezzi tracciabili (cosiddetto bonus Befana). Intanto, dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, il tetto di utilizzo del contante è di 2.000 euro e dal 1° gennaio 2022 il limite si abbasserà ulteriormente a 1.000 euro.

Sul tema tracciabilità, si ricorda che resta attivo il credito di imposta pari al 30% delle commissioni addebitate per le transazioni eseguite con carte di credito, di debito o con strumenti prepagati. Ne hanno diritto, per le vendite effettuate ai consumatori finali dal 1° luglio 2020, esercizi commerciali, imprese, artigiani o professionisti con un reddito sull’anno precedente non superiore a 400.000 euro. E per chi non ha un POS o non lo utilizza per i pagamenti elettronici è prevista una sanzione di 30 euro più il 4% del valore della spesa effettuata dal cliente.

Dunque, riemerge il piano Cashless nell’ultima legge di Bilancio del Governo, che prevede, tra l’altro, l’introduzione di un super bonus da riconoscersi all’inizio del 2021 e che premia le spese attraverso pagamenti elettronici con la finalità esplicita e chiara della tracciabilità e in particolare in quei settori in cui è ancora molto diffuso l’uso del contante.

E sarà prevista l’istituzione di estrazioni e premi speciali per le tutte quelle spese che i consumatori pagheranno utilizzando pagamenti digitali.

Premi per cashless - Per le operazioni commerciali avvenute esclusivamente con pagamento elettronico, si prevedono premi speciali a estrazione sia ai consumatori finali sia agli esercenti.

Lotteria degli scontrini, sanzioni - Nell’ambito della lotteria nazionale degli scontrini, prevista una sanzione amministrativa da 100 a 500 euro a carico dell’esercente che, al momento dell’operazione, rifiuta il codice fiscale del contribuente o non trasmette all’Agenzia delle entrate i dati della cessione o prestazione.

Anche in
  • edotto.com - Edicola del 24 luglio 2020 - Riforma fiscale con il cash flow - G. Lupoi