Decreto Crescita, dietrofront su Incentivo Sviluppo Sud e Isee

Pubblicato il



Decreto Crescita, dietrofront su Incentivo Sviluppo Sud e Isee

Novità in vista sull’Incentivo Sviluppo Sud (cd. Bonus Sud). Infatti, un emendamento inserito nel “Decreto Crescita”, che ha ottenuto il via libera dalle Commissioni Bilancio e Finanze della Camera, prevede lo stanziamento di risorse aggiuntive pari a 200 milioni di euro al fine di garantire lo sgravio contributivo anche al primo quadrimestre del 2019. Si ricorda, a tal proposito, che l’Anpal aveva concesso l’agevolazione esclusivamente per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate dal 1° maggio 2019 al 31 dicembre 2019. Di conseguenza, restavano escluse dal beneficio tutte le aziende che hanno assunto nei primi quattro mesi del 2019 (1° gennaio – 30 aprile 2019).

Interessanti novità anche sul fronte Isee e sulla nuova Dsu precompilata. Al riguardo, il cd. “Decretone” (D.L. n. 4/2019, convertito, con modificazioni, in L. n. 26/2019), prevedeva l’introduzione – dal prossimo mese di settembre - della nuova Dsu precompilata con redditi e patrimoni aggiornati all'anno precedente, nonché il nuovo periodo di validità dell’Isee (decorrente da settembre ad agosto). Sul punto, l’art. 4-sexies del “Decreto Crescita” conferma l’attuale validità della Dsu.

Decreto Crescita, novità sull’Incentivo Sviluppo Sud

Mentre le aziende sono ancora in attesa della circolare operativa dell’INPS, che dia loro la possibilità di fruire materialmente dell’agevolazione contributiva, arriva la notizia che tutti si aspettavano: estensione dell’Incentivo Sviluppo Sud anche per chi ha assunto a tempo indeterminato nei primi quattro mesi di quest’anno, fermi restando i requisiti e le condizioni previsti dalle leggi.

Sono stati molti i malumori manifestati all’indomani della pubblicazione, da parte dell’Anpal, del Decreto Direttoriale n. 178 del 19 aprile 2019, in quanto disponeva lo sgravio contributo - per il biennio 2019-2020 – esclusivamente per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate dal 1° maggio 2019 al 31 dicembre 2019. La proroga è stata prevista dalla Legge di Bilancio 2019 (art. 1, co. 247, della L. n. 145/2018), concedendo a tal fine un miliardo di euro, così suddiviso:

  • 500 milioni di euro per il 2019;
  • 500 milioni per il 2020.

Tuttavia, per il solo anno 2019, il Decreto Direttoriale n. 178 del 19 aprile 2019 ha destinato esclusivamente 120 milioni di euro, che gravano sul Programma operativo nazionale “Sistemi di Politiche Attive per l’Occupazione” (SPAO) e sul Programma Operativo Complementare “Sistemi di Politiche Attive per l’Occupazione" 2014 – 2020 (POC SPAO).

Ora, grazie all’emendamento inserito nel “Decreto Crescita”, che concede ulteriori risorse finanziarie per 200 milioni di euro, sarà garantita la possibilità di fruire dell’Incentivo Sviluppo Sud anche ai primi quattro mesi del 2019.

Decreto Crescita, novità Isee

In merito alla scadenza della Dsu (Dichiarazione Sostitutiva Unica), il D.Lgs. n. 147/2017 aveva apportato una prima modifica all’arco temporale di validità delle predette dichiarazioni prevedendo che, a decorrere dal 1° gennaio 2019, il termine di scadenza sarebbe variato a seconda che la stessa venga resa entro il 31 agosto 2019 ovvero oltre tale data. Il D.L. n. 4/2019 (c.d. decretone), convertito, con modificazioni, in L. n. 26/2019, ha prorogato al 31 dicembre 2019 il periodo di validità delle Dsu presentate dal 1° gennaio 2019 al 31 agosto 2019.

Pertanto, alle Dsu presentate quest’anno si applicano i seguenti periodi di validità:

  • Dsu presentate dal 1° gennaio al 31 agosto 2019: sono valide dal momento della presentazione sino al 31 dicembre 2019;
  • Dsu presentate dal 1° settembre al 31 dicembre 2019: sono valide dal momento della presentazione al 31 agosto 2020.

Tutto ciò è stato cancellato dall'art. 4-sexies del “Decreto Crescita” che, abrogando quanto previsto dal D.L. n. 4/2019, conferma per quest'anno le vigenti regole (gli Isee sono validi fino al 15 gennaio 2020). Inoltre, i dati su redditi e patrimoni sono aggiornati a due anni precedenti, salvo facoltà degli interessati di aggiornarli all'anno prima, qualora vi sia convenienza per il nucleo familiare.

Allegati Anche in
  • eDotto.com – Edicola del 9 maggio 2019 - Incentivo Occupazione Sud, indicazioni dall’ANPAL – Bonaddio