Decreto Fiscale. Rinvio breve per rate della rottamazione. Somministrazione senza limiti

Pubblicato il



Decreto Fiscale. Rinvio breve per rate della rottamazione.  Somministrazione senza limiti

Alla commissione finanze del Senato si è arrivati, dopo molti dibattiti, a fissare alcuni correttivi al Decreto fisco-lavoro.

Decreto fiscale: breve proroga per rottamazione ter e saldo e stralcio

Tra gli accordi trovati in commissione, c’è il breve rinvio dal 30 novembre al 9 dicembre per il versamento delle 8 rate della rottamazione ter e delle 4 rate del saldo e stralcio. Contando i cinque giorni di tolleranza, il termine deve intendersi fissato al 14 dicembre.

Dunque, come era stato preannunciato, non è stato possibile portare la scadenza delle rate per rottamazione ter e saldo e stralcio al nuovo anno.

Tra i rinvii su cui si è trovato accordo – anche se mancano delle comunicazioni ufficiali – il differimento dal 30 novembre 2021 al 1° gennaio 2022 della data entro cui restituire l’Irap, senza sanzioni ed interessi, erroneamente non pagata nel 2020.

I contribuenti hanno a disposizione 180 giorni (invece che 150) per saldare l’importo contenuto nella cartella esattoriale ricevuta dal 1° settembre al 31 dicembre 2021.

Altra rimessione in termini riguarda gli avvisi bonari: i versamenti sospesi dall’8 marzo al 31 maggio 2020 vanno eseguiti entro il 16 dicembre 2021.

Decreto Fiscale. Stop dei ricorsi sugli estratti di ruolo

Nonostante la forte contrarietà dei professionisti impegnati nelle liti fiscali, è stato approvato l’emendamento che prevede la non impugnabilità dell'estratto di ruolo ossia la nota delle cartelle emesse e notificate al contribuente.

Però la norma stabilisce che l’impugnazione è ammessa quando il debitore è in grado di dimostrare che l’atto è pregiudizievole per la partecipazione a gare di appalto o per i pagamenti di crediti spettanti oltre i 5mila euro su cui si applicano le verifiche del Fisco sui debiti pendenti o ancora per la perdita di un beneficio nei rapporti con la Pubblica amministrazione.

Decreto Fiscale. Imu dei coniugi

Per cercare di porre rimedio alle varie interpretazioni che si sono succedute negli anni sull’applicazione dell’Imu in caso di coniugi che hanno due case in due comuni diversi, è stato stabilito che i contribuenti potranno scegliere su quale immobile applicare l’esenzione Imu per l’abitazione principale.

Decreto Fiscale. Associazioni e società sportive professionistiche e dilettantistiche

Adempimento alleggerito per federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, associazioni e società sportive professionistiche e dilettantistiche residenti in Italia tenuti a versare i contributi previdenziali e assistenziali e i premi per l’assicurazione obbligatoria al 31 dicembre 2021.

E’ possibile suddividere quanto dovuto in un arco temporale di 9 mesi, a decorrere dal 31 marzo 2022.

Decreto Fiscale. Disposizioni sul lavoro

Tra gli emendamenti al Dl fiscale, alcune novità riguardano la parte dedicata al lavoro.

Approvata una nuova scadenza – 31 dicembre 2022 – per l’utilizzo senza limiti temporali della somministrazione a termine dei lavoratori assunti dalle Agenzie per il lavoro a tempo indeterminato.

Dunque, l’utilizzo per oltre 24 mesi del lavoratore somministrato non comporta la costituzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato tra utilizzatore e lavoratore.

In materia di sicurezza sul lavoro, il datore di lavoro dovrà nominare un preposto per vigilare sull’osservanza da parte dei lavoratori degli obblighi di legge ed aziendali in materia di sicurezza sul lavoro e di uso dei mezzi di protezione e di Dpi individuale.

Il preposto, in caso di comportamento non adeguato, potrà sospendere l’attività del dipendente.

Parere affermativo per l’emendamento che stabilisce l’erogazione dell’assegno di invalidità a coloro che hanno un’invalidità pari o superiore al 74% che svolgono un’attività lavorativa, con l’eliminazione del requisito di inattività richiesto dall'Inps.

Allegati