Demolizione e ricostruzione casa con Sisma bonus

Pubblicato il



Demolizione e ricostruzione casa con Sisma bonus

Con la risoluzione n. 34/E/2018, l’Agenzia delle Entrate - rispondendo ad una richiesta di interpello – specifica alcuni aspetti della detrazione di imposta di cui all’articolo 1-quater del D.L. n. 63 del 2013, cosiddetto Sisma bonus.

Nello specifico, l’istante chiedeva di sapere se la suddetta detrazione dell’80%, con tetto massimo di spesa incentivabile di 96.000 euro, potesse spettare anche in relazione a spese per l’intervento di demolizione e fedele ricostruzione (con riduzione di due classi di rischio sismico) di un immobile dichiarato inagibile a seguito del terremoto.

In caso di risposta affermativa, si chiedeva, inoltre, se la spesa per l’intervento edilizio potesse essere suddivisa tra gli aventi diritto non in base alle proprie quote di proprietà dell’immobile, ma in base alle spese da ognuno effettivamente sostenute ed, inoltre, se a tali spese fosse applicabile l’aliquota Iva agevolata.

Sisma bonus anche alle opere di demolizione e ricostruzione

L’Agenzia delle Entrate, nella risoluzione 34/E/2018, specifica che gli interventi consistenti nella demolizione e ricostruzione di edifici adibiti ad abitazioni private o ad attività produttive possono essere ammessi al sisma bonus, a patto che siano rispettate tutte le condizioni previste dalla norma agevolativa e sempreché concretizzino un intervento di ristrutturazione edilizia e non un intervento di nuova costruzione.

Con riferimento al caso proposto, pertanto, venendo in rilievo un intervento di demolizione e ricostruzione di un edificio collabente, per l’applicazione della detrazione è necessario che dal titolo amministrativo, che autorizza i lavori, risulti che l’opera consista in un intervento di conservazione del patrimonio edilizio esistente e non in un intervento di nuova costruzione.

Ripartizione della detrazione e aliquota Iva agevolata

Riguardo alle altre conseguenti richieste di chiarimento, la risoluzione precisa che:

  • qualora vi siano più soggetti titolari del diritto alla detrazione, la stessa è ripartita in funzione della spesa effettivamente sostenuta da ciascuno, come attestata dal bonifico di pagamento contenente, nella causale, il richiamo normativo che dà diritto alla detrazione d’imposta, e dall’intestazione delle fatture rilasciate dall’impresa che esegue i lavori;
  • alla fattispecie descritta, di demolizione con fedele ricostruzione, può essere applicata l’aliquota Iva agevolata del 10% prevista per gli interventi di ristrutturazione edilizia, a condizione che le opere siano qualificate come tali dalla documentazione amministrativa che autorizza i lavori.
Allegati Anche in
  • eDotto.com – Edicola del 13 marzo 2018 - Sisma bonus, sì alla detrazione anche se l’immobile viene dato in locazione – Moscioni