Fondo straordinario Ristori, disponibili le FAQ dell’Avviso 2/2022

Pubblicato il

In questo articolo:



Fondo straordinario Ristori, disponibili le FAQ dell’Avviso 2/2022

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha predisposto alcune FAQ di chiarimento sulla presentazione delle istanze del contributo a fondo perduto a valere sul Fondo Straordinario Ristori per il sostegno degli Enti del Terzo Settore, di cui all’Avviso 2/2022.

Il finanziamento - pari a 20 milioni di euro - è rivolto:

  • agli enti non commerciali pubblici o privati diversi dalle società, nonché ai trust che non hanno per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciali, residenti nel territorio dello Stato;
  • agli enti religiosi civilmente riconosciuti;
  • alle onlus iscritte nella relativa anagrafe.

FAQ

In particolare si chiarisce che:

  1. le cooperative sociali non possono presentare l’istanza per l’accesso al contributo perché non rientranti tra gli Enti non commerciali;
  2. ogni Ente potrà presentare soltanto un’istanza di contributo a prescindere dal numero delle sedi operative. Invero, l’Ente che non ha strutture nella Regione in cui ha la sede legale, ma ha strutture operative presso un’altra Regione, potrà presentare l’istanza comunicando, nella specifica sezione della piattaforma la Regione che ha rilasciato l’autorizzazione al funzionamento;
  3. gli Enti non Commerciali previsti al titolo II, Capo III del TUIR (D.P.R. 917/1986 sono:
    • gli enti pubblici e privati diversi dalle società residenti nel territorio dello Stato (associazioni, comitati, fondazioni, consorzi, circoli, club, accademie, congregazioni) che non hanno per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciale;
    • i trust che non hanno per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciale nonché' gli organismi di investimento collettivo del risparmio, residenti nel territorio dello Stato.
  4. l’Ente Istante che ha sede legale in una Regione e opera nel campo dei servizi socio-sanitari in diverse Regioni d’Italia, potrà presentare soltanto un’istanza di contributo. Diversamente, l’Ente che non ha strutture nella Regione dove ha la sede legale potrà presentare l’istanza in altre Regioni in cui ha strutture operative, a condizione che riporti nell’apposita sezione della piattaforma una delle Regioni da cui ha ottenuto l’autorizzazione al funzionamento;
  5. il requisito richiesto per beneficiare del contributo lo svolgimento dei servizi socio sanitari e assistenziali, in regime diurno o semi diurno e residenziale, in favore di anziani autosufficienti e disabili nell’arco temporale tra il 31 gennaio 2020 e il 31 dicembre 2021, corrispondente alla durata dello stato emergenziale da Sars-CoV-2.
  6. Il contributo è rivolto a tutte le strutture anche quelle non convenzionate con il sistema pubblico, purché  le stesse siano titolari di autorizzazione al funzionamento, ai sensi della normativa regionale o provinciale di riferimento;
  7. Il contributo non può essere richiesto qualora sia stato percepito il contributo a fondo perduto della misura prevista dall’articolo 1 del decreto-legge n. 137 del 2020;
  8. gli Enti che dispongono di più sedi e dunque di più autorizzazioni all’esercizio delle attività, dovranno presentare l’istanza presso la Regione in cui l’Ente ha sede legale.

Le FAQ sono consultabili sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nella sezione “Notizie”, alla voce “Fondo Straordinario Ristori per gli Enti del Terzo Settore: pubblicate le FAQ Avviso 2/2022”.

Si rammenta che le istanze potranno essere presentate - tramite la piattaforma elettronica "Ristori ETS 20 MILIONI"- fino alle ore 18:00 di mercoledì 24 agosto 2022.

Allegati