Forfetario 2020. Per le Entrate nessun ostacolo con lo Statuto

Pubblicato il


Forfetario 2020. Per le Entrate nessun ostacolo con lo Statuto

L’Agenzia delle Entrate conferma quanto contenuto nelle risposte alle interrogazioni parlamentari del 5 febbraio scorso, in materia di modifiche alla disciplina del regime forfetario apportate dal 1° gennaio 2020.

Infatti, la legge di bilancio 2020 ha variato i requisiti di accesso e le cause di esclusione del regime forfetario.

Nello specifico, i contribuenti che, nel 2019, hanno sostenuto le spese per lavoro accessorio in misura superiore a 20.000 euro e/o hanno percepito redditi di lavoro dipendente ed assimilato superiori a 30.000 euro, non possono applicare il regime agevolato nel 2020.

Regime forfetario e Statuto del contribuente

Con risoluzione n. 7 dell’11 febbraio 2020, l’Agenzia afferma che all’entrata in vigore delle nuove regole dal 2020 non è di ostacolo lo Statuto del contribuente. Infatti, le modifiche introdotte non impongono alcun adempimento immediato, “atto a garantire le condizioni abilitanti per la permanenza nel regime medesimo per i soggetti che nel 2019 avevano i requisiti per fruire del forfait”.

Sia il requisito delle spese che la causa di esclusione obbligano solo una verifica dell’eventuale superamento delle soglie previste.

Su questo punto, da più parti è stata sollevata l’obiezione per la quale il passaggio dal regime speciale a quello ordinario comporta tutta una serie di nuovi adempimenti, tra cui l’adozione della fattura elettronica, da porre in essere in tempi ridottissimi.

Allegati Anche in
  • edotto.com – Edicola del 6 febbraio 2020 - Regime forfetario. MEF, cause di esclusione con decorrenza immediata – Moscioni