Il decreto Dignità è legge. Ministero del Lavoro: “Freno alla precarietà del lavoro”

Il decreto Dignità è legge. Ministero del Lavoro: “Freno alla precarietà del lavoro”

Con comunicato dell’8 agosto 2018, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha dato notizia dell’approvazione al Senato della legge di conversione del Decreto Dignità, “il primo provvedimento in campo economico e sociale del Governo con cui si punta a mettere un freno alla precarietà del lavoro, alle delocalizzazioni selvagge, alla burocrazia nei confronti delle imprese ed alla diffusione delle azzardopatie”.

I punti essenziali della legge, come riassunti nel comunicato, sono i seguenti:

  • tetto del 30% di contratti a termine rispetto a quelli a tempo indeterminato nella stessa azienda;
  • trasformazione del contratto da tempo determinato a tempo indeterminato, in assenza di causali, nel caso in cui il contratto a termine superi i 12 mesi;
  • esonero della disciplina dello stop&go, tra un contratto a termine e un altro per il lavoro in somministrazione;
  • aumento delle indennità per i licenziamenti illegittimi nell'offerta conciliativa;
  • bonus del 50% dei contributi per le assunzioni stabili di under 35 fino al 2020;
  • assunzioni delle regioni per il rafforzamento degli organici dei Centri per l'impiego;
  • sanzioni alle aziende che delocalizzano prima di 5 anni dopo aver ricevuto contributi pubblici;
  • voucher fino ad un massimo di 10 giorni in agricoltura e per gli alberghi che hanno fino a 8 dipendenti per pagare le prestazioni rese da pensionati, studenti under 25, disoccupati e percettori del reddito di inclusione o di altre forme di sostegno al reddito;
  • stop ad aggravi contributivi per i rinnovi dei contratti di colf e badanti;
  • misure transitorie per il comparto della scuola.

Allegati

Links

LavoroMisure per l'occupazioneAgevolazioni contributiveLavoro subordinatoFisco