Il controllo degli smart worker passa dalla normativa in materia di privacy

Pubblicato il


Il controllo degli smart worker passa dalla normativa in materia di privacy

Per fronteggiare gli effetti economici derivanti dall'emergenza epidemiologica da Covid-19, il Governo, attraverso la deroga all'accordo individuale, ha tentato di spingere imprese, associazioni, professionisti e pubbliche amministrazioni, all'utilizzo dello smart working.

La deroga alle disposizioni previste dalla Legge 22 maggio 2017, n. 81, in materia di accordo individuale, non esime il datore di lavoro dall'individuare e regolamentare le modalità di svolgimento della prestazione lavorativa, anche con riferimento ai tempi ed ai luoghi di lavoro, nonché di informare il proprio personale sulle misure tecnologiche e di controllo adottate, con ampio sguardo alle disposizioni previste dallo Statuto dei Lavoratori ed alla normativa in materia di privacy. 

Links