Intercettazioni. Tavolo di lavoro con giornalisti e avvocati

Intercettazioni. Tavolo di lavoro con giornalisti e avvocati

Da quanto si apprende, venerdì 21 giugno si terrà, presso il ministero della Giustizia, un tavolo di lavoro sulla riforma delle intercettazioni.

Ai lavori - il cui ordine del giorno è dedicato alla “disciplina della pubblicazione e diffusione delle intercettazioni” - parteciperanno anche rappresentanti dell’Ordine dei giornalisti e del Consiglio Nazionale Forense.

Si ricorda, in proposito, lo slittamento dei termini concernenti detta riforma, per come disposto dal Decreto sicurezza bis (n. 53/2019), di recente pubblicazione.

CNF: positivo il coinvolgimento di Avvocatura e Ordine giornalisti

La notizia della convocazione al tavolo di lavoro è stata accolta con soddisfazione dal presidente del CNF, Andrea Mascherin.

In una nota stampa di ieri, 18 giugno, dove vengono riportate le dichiarazioni di Mascherin, si legge: “La tempestività della convocazione del tavolo sulle intercettazioni è segno di sensibilità e attenzione al tema da parte del ministero della Giustizia. Per l’avvocatura la libertà di informazione è sacra e strumento di democrazia evoluta, come più che sacra è la dignità di ogni persona che non deve essere mai oggetto di una pena non più in vigore da tempo, ovvero la gogna”.

Il rappresentante del CNF, a seguire, si è detto “certo” che la sensibilità di avvocati e giornalisti sarà utile per favorire una soluzione a salvaguardia della persona e a garanzia della serenità di chi opera nel mondo della informazione.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Punto & Lex 17 giugno 2019 - Decreto sicurezza-bis: pubblicato e già in vigore – Pergolari
ProfessionistiAvvocatiDirittoDiritto Penale