Modello 730 precompilato 2022, ultimi giorni per l’invio

Pubblicato il



Modello 730 precompilato 2022, ultimi giorni per l’invio

Manca davvero poco alla scadenza del 30 settembre, ultimo giorno utile per lavoratori dipendenti e pensonati per inviare il modello precompilato 730/2022, relativo al periodo d’imposta 2021; mentre per il modello Redditi web la scadenza è fissata al 30 novembre 2022.

Il 25 ottobre 2022 è, invece, l'ultimo giorno per presentare, al Caf o professionista abilitato, il 730 integrativo se l’integrazione comporta un maggiore credito, un minor debito o un’imposta invariata.

Chi ha già visualizzato il modello nei mesi scorsi, ed eventualmente lo ha anche integrato, lo trova salvato nella propria area riservata ed, ora, deve solo inviarlo.

Ancora, quindi, un paio di giorni per coloro che devono consultare la dichiarazione precompilata predisposta dal Fisco, per poi modificarla oppure inviarla così come è.

A ricordarlo la stessa Agenzia delle Entrate nel comunicato stampa dell’11 settembre scorso.

Come visualizzare la dichiarazione precompilata

Il contribuente può accedere alla dichiarazione precompilata, disponibile dal 23 maggio, tramite:

Spid – il "Sistema Pubblico dell'Identità Digitale" per accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione

Cie – Carta d'identità elettronica 3.0

CNS – Carta Nazionale dei Servizi

Credenziali rilasciate dall’Agenzia (Entratel/Fisconline) per i soggetti titolati ad averle

Inps – se ha il pin "dispositivo" dell'Inps

Calendario del 730/2022

Le dichiarazioni precompilate sono disponibili sul sito dell’Agenzia dallo scorso 23 maggio 2022, dopo che il termine ordinario del 30 aprile - entro il quale l’Amministrazione finanziaria è tenuta a rendere disponibili i modelli precompilati - era stato differito al 23 maggio 2022 dall’art. 10-quater del Decreto legge n. 4/2022.

Al 30 settembre si chiude l'ultima delle 5 finestre per l'invio delle dichiarazioni precompilate 730/2022, con modifiche possibili entro il 25 ottobre; tale termine coincide con quello ultimo per inviare i 730 integrativi utili a correggere errori su dichiarazioni già trasmesse.

Il calendario dei 730 è stato ridefinito per effetto delle modifiche apportate dal Decreto legge 124/2019 (articolo 16-bis), passando dalla scadenza unitaria originariamente fissata ad una agenda che prevede, ora, 5 finestre.

I termini di invio sono definiti dalla data di consegna documentale ai professionisti e sono i seguenti:

a) entro il 15 giugno di ciascun anno, andranno inviate le dichiarazioni presentate dal contribuente entro il 31 maggio;

b) entro il 29 giugno, quelle presentate dall'1 al 20 giugno;

 c) entro il 23 luglio, quelle presentate dal 21 giugno al 15 luglio;

d) entro il 15 settembre, quelle presentate dal 16 luglio al 31 agosto;

e) entro il 30 settembre, quelle presentate dall'1 al 30 settembre.

La fase di consegna dei documenti è, ovviamente, superata in caso di utilizzo diretto da parte del contribuente del 730 precompilato. Tuttavia, sia per il 730 ordinario che per il precompilato il termine ultimo per l'invio è fissato al 30 settembre.

I dati della precompilata 2022

Quest’anno le dichiarazioni precompilate dal Fisco sono ancora più dettagliate e complete, con gli oltre 1,2 miliardi di dati già caricati.

Si tratta di dati in possesso dell’Agenzia o comunicati da enti terzi e relativi a spese sanitarie o scolastiche, bonifici per ristrutturazioni, certificazioni uniche, contributi per lavoratori domestici e molti altri.

Con queste informazioni già inserite “a monte”, è più semplice per i cittadini orientarsi tra le diverse voci e usufruire delle agevolazioni fiscali previste.

Si ricorda, infatti, che la dichiarazione accettata senza modifiche ha alcuni vantaggi: esclude, infatti, i controlli sulle spese che danno diritto a bonus fiscali; ma anche in caso di modifica basterà conservare solo i documenti relativi alla parte variata.

Delega ad una persona di fiducia

Si legge nel comunicato agenziale che da quest’anno chi ha difficoltà ad accedere in prima persona al servizio online può “autorizzare” un familiare o un’altra persona di fiducia a operare per proprio conto nell’area riservata del sito dell’Agenzia, non perdendo così i vantaggi della precompilata.

Per farlo basta compilare un apposito modello disponibile sul sito dell’Agenzia.

Nel caso di procura conferita al coniuge o a un parente (o affine) entro il quarto grado, il contribuente può inviare il modello anche online, tramite i servizi telematici, o via pec.

Nel caso, invece, di procura speciale conferita ad un’altra persona di fiducia, il modello deve essere inviato all’ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate.

Se a causa di patologie, la persona rappresentata non può recarsi in Agenzia, la procura può essere presentata direttamente dal rappresentante, insieme a un’attestazione del medico di base del rappresentato.

Per aiutare i contribuenti impegnati con le dichiarazioni precompilate, l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione, sul canale youTube istituzionale, un video tutorial, che illustra ai contribuenti i passi fondamentali per l’invio.

Analogamente, è disponibile online la guida “L’accesso ai servizi online per rappresentanti e persone di fiducia”, che spiega le regole per estendere l’accesso alla propria dichiarazione e agli altri servizi fiscali online a un familiare o a una persona di fiducia.

Allegati