Niente contratto con l’affidatario? Responsabilità precontrattuale della PA

Niente contratto con l’affidatario? Responsabilità precontrattuale della PA

La Pubblica amministrazione risponde di responsabilità precontrattuale se omette di stipulare un contratto con un soggetto già individuato come affidatario, ponendo in essere comportamenti indicativi della volontà di non procedere alla conclusione del contratto medesimo.

Questo quando l’Ente, con la propria condotta, anche successiva all'espletamento della procedura selettiva, abbia ingenerato nell’interlocutore un legittimo affidamento relativo alla futura conclusione del contratto.

Lesione dell’altrui libertà negoziale

In detta situazione sussiste, in capo alla P.A., una responsabilità per aver generato la lesione dell'altrui libertà negoziale, realizzata attraverso un comportamento doloso o colposo, ovvero mediante l'inosservanza del precetto della buona fede.

E’ quanto si afferma nel testo della sentenza del Tar del Molise, n. 117 del 29 marzo 2019.

Danni da risarcire

Nella decisione, è stato anche precisato che nelle ipotesi, come quella in oggetto, di responsabilità precontrattuale dell’Amministrazione, i danni devono essere riferiti all’interesse negativo, ravvisabile, per le procedure ad evidenza pubblica:

  • nelle spese inutilmente sopportate per partecipare alla gara;
  • nelle spese di pianificazione, programmazione e progettazione;
  • in tutte le altre spese inutilmente sostenute prima e dopo l’aggiudicazione, in ragione dell’affidamento nella conclusione del contratto (ivi comprese le spese di ammortamento di attrezzature e macchinari acquistati o locati per la realizzazione delle opere appaltate).

La perdita di occasioni di guadagno alternativo, poi, va riconosciuta solo se provata, altrimenti – come nella vicenda esaminata - è da escludere.

Allegati

DirittoDiritto AmministrativoDiritto CivileObbligazioni e contratti