Retribuzioni convenzionali INAIL, importi 2020 per i lavoratori esteri

Pubblicato il


Retribuzioni convenzionali INAIL, importi 2020 per i lavoratori esteri

Per l’anno 2020, il premio INAIL dei lavoratori operanti in Paesi extracomunitari deve essere effettuato sulla base delle retribuzioni convenzionali fissate, per ciascun settore, dalle tabelle allegate al D.I. dell’11 dicembre 2019

Con la circolare n. 3 del 29 gennaio 2020, l’INAIL ha individuato l’ambito territoriale, nonché le modalità di applicazione delle retribuzioni convenzionali, ai fini della determinazione del premio assicurativo.

Retribuzioni convenzionali INAIL, a chi si applicano?

Le retribuzioni convenzionali si applicano ai lavoratori operanti nei Paesi extracomunitari diversi da quelli con i quali sono in vigore accordi di sicurezza sociale, anche parziali. Ai fini assicurativi, sono pertanto esclusi dall’ambito di applicazione del regime di dette retribuzioni convenzionali gli:

  • Stati membri dell’Unione Europea: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria;
  • Stati ai quali si applica la normativa comunitaria: Liechtenstein, Norvegia, Islanda e Svizzera;
  • Stati con i quali sono state stipulate convenzioni di sicurezza sociale: Argentina, Australia (Stato del Victoria), Brasile, Canada (Intesa amministrativa stipulata con la provincia dell’Ontario e Accordo di collaborazione con la provincia del Quebec), Capoverde, Isole del Canale (Jersey, Guersney, Aldernay, Herm, Jetou), ex Jugoslavia (Repubbliche di Bosnia Erzegovina, Macedonia, Serbia, Montenegro, Kosovo), Principato di Monaco, San Marino, Santa Sede, Tunisia, Turchia, Uruguay e Venezuela.

Determinazione del premio INAIL per lavoratori esteri

Per individuare la fascia retributiva da prendere a riferimento ai fini degli adempimenti assicurativi, bisogna individuare la “retribuzione nazionale” da intendersi come il trattamento previsto per il lavoratore dal contratto collettivo nazionale, comprensivo di ogni emolumento riconosciuto tra le parti, con esclusione però dell’indennità estera. L’importo così ottenuto deve essere diviso per dodici e, raffrontando il risultato del calcolo con le tabelle del settore corrispondente, deve essere poi determinata la fascia retributiva da prendere a riferimento ai fini dei predetti adempimenti.

Allegati Anche in
  • edotto.com – Edicola del 9 gennaio 2020 - Lavoratori esteri, fissate le retribuzioni convenzionali 2020 – Bonaddio