Split payment Online gli elenchi definitivi dei soggetti destinatari

Split payment Online gli elenchi definitivi dei soggetti destinatari

Le regole per l'applicazione del meccanismo dello split payment per l'anno 2017 sono complete: sul sito del Dipartimento delle Finanze sono stati pubblicati gli elenchi definitivi dei soggetti, diversi dalle Pa, sottoposti all'obbligo dello meccanismo contabile e, sempre sullo stesso sito, sono state pubblicate alcune specifiche interpretative.

Elenchi definitivi soggetti diversi dalla Pa

Si tratta degli elenchi definitivi per l’anno 2017 dei soggetti tenuti all’applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti di cui all’articolo 17-ter del Dpr n. 633/1972, come modificato dall’articolo 1 del Dl n. 50/2017 (Manovra correttiva), convertito con modificazioni dalla Legge n. 96/2017.

La nuova pubblicazione si è resa necessaria a seguito dell’emanazione del Decreto Mef 13 luglio 2017 (“GU” del 24 luglio), che tiene conto delle osservazioni prodotte dai contribuenti interessati entro il giorno 19 luglio.

Tale provvedimento ha modificato l’articolo 5-bis del decreto del 23 gennaio 2015 (introdotto dal decreto del 27 giugno 2017), stabilendo con riferimento alla Pubblica amministrazione che la suddetta normativa si applica alle amministrazioni destinatarie della disciplina sulla fatturazione elettronica obbligatoria.

Pertanto, il Dipartimento delle Finanze non provvede alla pubblicazione dell’elenco delle Pa tenute ad applicare la normativa sulla scissione dei pagamenti e per esse occorre fare riferimento all’elenco pubblicato sul sito dell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (cosiddetto elenco IPA), senza considerare i soggetti classificati nella categoria dei “gestori di pubblici servizi”, non ricompresi nell'obbligo della fatturazione elettronica.

Precisazioni

Nel comunicato del 26 luglio che ha accompagnato la pubblicazione degli elenchi definitivi, il Dipartimento delle Finanze fa alcune precisazioni:

  • i gestori di pubblici servizi, se risultano ricompresi tra le società controllate da pubbliche amministrazioni centrali o locali, sono comunque soggetti allo split payment anche se non destinatari della fattura elettronica.

  • tutte le società ricomprese negli elenchi soggette allo split payment non sono, unicamente per effetto dell'inclusione nello specifico adempimento, obbligate alla fatturazione elettronica.

  • le aziende speciali, non costituite sotto forma societaria, applicano il meccanismo della scissione dei pagamenti nella misura in cui siano destinatari della disciplina sulla fatturazione elettronica obbligatoria.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Approfondimento del 13 luglio 2017 - Split payment: operativo il nuovo meccanismo “allargato” - Moschella
  • eDotto.com – Edicola del 25 luglio 2017 - Split payment Pa con entrata differita – G. Lupoi
FiscoImposte indiretteIVAImposte