Srl e Srls: al via la costituzione in modalità telematica

Pubblicato il

In questo articolo:



Srl e Srls: al via la costituzione in modalità telematica

Al via la prima costituzione di una società a responsabilità limitata in modalità digitale, secondo la nuova procedura di cui al Decreto legislativo n. 183/2021 - in vigore da ieri, 14 dicembre - in attuazione della Direttiva Ue 2019/1151.

La prima Srl online è stata costituita stamane, presso lo studio di un notaio di Roma, utilizzando l'apposita Piattaforma del Notariato italiano (PNI), predisposta e gestita dal Consiglio Nazionale del Notariato.

Lo ha reso noto il CNN in un comunicato di oggi, 15 dicembre, in cui si fa presente che l’Italia rappresenta uno dei primi paesi in Europa a recepire la citata direttiva sulla costituzione delle srl in modalità telematica, attraverso un procedimento che si svolge interamente on line, sotto il controllo del notaio,

“Siamo orgogliosi" - ha commentato la Presidente del Consiglio Nazionale del Notariato, Valentina Rubertelli - "di essere tra i primi notariati in Europa a stipulare una srl online, se pensiamo che paesi come la Germania, pur avendo recepito la Direttiva EU con la nostra stessa procedura, saranno operativi solo a metà 2022”.

Allo stato - ha continuato la presidente del Notariato - sono circa 2000 i notai che hanno fatto formazione sull’intero territorio nazionale, "ma siamo certi che nel tempo l’intera categoria sarà attrezzata per offrire questo tipo di strumento alla collettività”.

Srl online, il procedimento

Nel comunicato è quindi ricordato in che modo si procede per costituire una società a responsabilità limitata con la procedura on-line. Si rammenta, così:

  • la necessità che la costituenda società abbia sede in Italia e che i conferimenti siano eseguiti in denaro, mediante bonifico bancario a favore del conto corrente dedicato del notaio;
  • che l'atto può essere sottoscritto con firma digitale o altro tipo di firma elettronica qualificata: a tal fine, il notaio può anche rilasciare, alle parti che ne siano sprovviste, una firma elettronica idonea.

E' inoltre ricordato che la piattaforma assicura:

  • il collegamento continuo delle parti in videoconferenza;
  • la visualizzazione dell'atto da sottoscrivere;
  • la conservazione dell'atto una volta che esso è stato stipulato;
  • il tracciamento di ogni attività.

Nel corso del procedimento e mediante la piattaforma, il notaio, oltre al consueto controllo di legalità dell'atto e all'attività di consulenza giuridica specializzata, ha il compito di verificare e attestare l'identità delle parti, nonché la validità dei certificati di firma utilizzati.

Allegati