Trasformazione apprendistato, aliquota piena dal terzo anno

Trasformazione apprendistato, aliquota piena dal terzo anno

In caso di trasformazione del contratto di apprendistato dal primo al secondo livello, il datore di lavoro che occupa un numero di addetti pari o inferiore a nove deve corrispondere l’aliquota piena del 10% (più le aliquote minori, pari all’1,61%), a decorrere dal terzo anno di contratto. Non è, quindi, possibile fruire dell’incentivo previsto all’art. 32, co. 1, lett. b) e c) del D.Lgs. n. 150/2015, che dispone un’aliquota agevolata del 5% per i contratti di apprendistato di primo livello successivi al secondo.

Il chiarimento è giunto dall’INPS, con il messaggio n. 1478 del 10 aprile 2019. La posizione dell’Istituto previdenziale è giustificata dalla circostanza che la trasformazione del contratto di apprendistato – dal primo al secondo livello - non comporta la costituzione di un nuovo rapporto di lavoro, ma la continuità dell’originario contratto di lavoro subordinato stipulato tra le parti.

Trasformazione del contratto di apprendistato da primo a secondo livello

La disciplina dell’apprendistato è contenuta nel Capo V del D.Lgs. n. 81/2015 (artt. 41-47), che lo definisce come quel contratto a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all’occupazione. Le tipologie contrattuali previste dalla norma sono tre, ossia:

  1. apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore;
  2. apprendistato professionalizzante;
  3. apprendistato di alta formazione e ricerca.

Con riferimento al contratto d’apprendistato di primi livello, l’art. 43, co. 9 prevede che successivamente al conseguimento della qualifica o del diploma professionale, nonché del diploma di istruzione secondaria superiore, allo scopo di conseguire la qualificazione professionale ai fini contrattuali, è possibile la trasformazione del contratto in apprendistato professionalizzante.

Il legislatore, nel consentire la “trasformazione del contratto”, implica la continuità del contratto di lavoro stipulato tra le parti, ossia tra l’iniziale apprendistato di primo livello e l’apprendistato professionalizzante. È, dunque, richiesto un prolungamento del periodo di formazione, già ricevuta dal lavoratore nel lasso temporale di durata del contratto di apprendistato di primo livello, affinché possa acquisire la qualificazione professionale ai fini contrattuali.

Regime contributivo aziende fino a 9 dipendenti

In riferimento al regime contributivo applicabile ai datori di lavoro fino a 9 dipendenti, l’art. 1, co. 773, co. 5, della L. n. 296/2006 prevede un'aliquota contributiva piena a carico del datore di lavoro (pari al 10%) ridotta:

  • dell’8%, per i periodi contributivi maturati nel primo anno di contratto;
  • del 7% per i periodi contributivi maturati nel secondo anno di contratto.

Dal terzo anno in poi, invece, si applica l’aliquota contributiva del 10%.

In tal contesto, l’art. 32, co. 1, lett. b) e c) del D.Lgs. n. 150/2015 ha previsto un ulteriore incentivo per i datori di lavoro che occupano sempre un numero di addetti pari o inferiore a 9. Questi ultimi, qualora effettuino assunzioni con contratto di apprendistato di primo livello, sono tenuti a versare esclusivamente un’aliquota contributiva del 5% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali, in riferimento agli anni di contratto successivi al secondo.

Aliquota contributiva al 10 per cento

Alla luce del suddetto quadro normativo, l’INPS ha evidenziato che l’aliquota di contribuzione a carico del datore di lavoro, a decorrere dalla data di trasformazione del contratto d’apprendistato da primo a secondo livello, è comunque pari al 10% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali.

In tal caso, l’esclusione dalla quota agevolata del 5% è dettata dalla circostanza che la trasformazione del contratto non comporta la costituzione di un nuovo rapporto di lavoro, ma la continuità dell’originario contratto di lavoro subordinato stipulato tra le parti.

Per concludere, si ricorda che il datore di lavoro è tenuto anche al versamento:

  • dell’aliquota di finanziamento della NASpI nella misura dell’1,31%;
  • del contributo integrativo destinabile al finanziamento dei fondi interprofessionali per la formazione continua pari allo 0,30%.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 15 novembre 2018 - Apprendistato, assetto del regime contributivo - Schiavone
ImpreseFinanziamenti e Agevolazioni