Uccise passando al rosso: è omicidio volontario

Il Gup di Roma, ha condannato - con rito abbreviato - a 10 anni di reclusione, Stefano Lucidi, l'uomo che, attraversando con il rosso Via Nomentana, investì ed uccise, nel maggio scorso, due ragazzi in scooter. Con l'importante decisione, il Gup ha ravvisato, nel comportamento dell'automobilista, il reato di omicidio volontario, configurato sotto il profilo del dolo eventuale. E' stata, infatti, accolta l'imputazione prospettata dal Pm rispetto a quella precedentemente formulata dal Gip per omicidio colposo, aggravato dalla previsione dell'evento.

Allegati

Diritto PenaleDirittoProcedimenti specialiProcessuale penaleDelitti e contravvenzioni
festival del lavoro