Variazioni patrimoniali: obbligo per destinatari di misure di prevenzione

Variazioni patrimoniali: obbligo per destinatari di misure di prevenzione

L’obbligo, per i soggetti già sottoposti a misura di prevenzione personale ex lege n. 1423/1956 (ovvero a misure di prevenzione nei confronti di persone pericolose per la sicurezza e per la pubblica moralità), di comunicare le variazioni del proprio patrimonio, si applica anche quando il provvedimento che ha disposto la misura è divenuto definitivo in data anteriore all'introduzione dell’obbligo medesimo.

E’ questo il principio di diritto enunciato dalle Sezioni Unite penali della Corte di cassazione, con sentenza n. 16896 del 17 aprile 2019, con riferimento alla previsione di cui all’articolo 80 del Decreto legislativo n. 159 del 2011.

L’omissione di tale comunicazione – viene altresì ricordato - è penalmente sanzionata dall'art. 76, comma 7, del D.lgs. n. 159/2011.

Nel caso esaminato, la Suprema corte ha rigettato il ricorso presentato da un uomo, già destinatario di un provvedimento di prevenzione definitivo, ora indagato per il reato di omessa comunicazione delle variazioni patrimoniali, ovvero per inottemperanza all'obbligo di comunicazione citato.

Allegati

DirittoDelitti e contravvenzioniDiritto PenaleProcessuale penaleMisure cautelari e di sicurezza