Aidc. La lotta all’evasione non si tramuti in aggravio per i soliti contribuenti

Pubblicato il



Aidc. La lotta all’evasione non si tramuti in aggravio per i soliti contribuenti

"Lotta all'evasione obiettivo condiviso, ma non si trasformi in un ulteriore aggravio per i soliti contribuenti, mediante l’introduzione di ulteriori adempimenti". È il monito dell’Aidc affidato ad un comunicato stampa del 29 agosto 2019.

Il contesto è quello del discorso del Premier incaricato Giuseppe Conte, in tema di lotta all'evasione. Quel "pagheremo tutti e pagheremo meno” reiterato negli anni, il cui costo in complicazione tributaria non è stato mai del tutto affrontato, spiega l'Associazione.

"La lotta, vera, all’evasione è obiettivo anche nostro, ma la civiltà del rapporto tra cittadino e fisco va posta alla base di ogni cosa", si legge nella nota.

E ce n’è anche per gli Isa. Già da maggio l’Aidc sollecitava provvedimenti, ora ribadisce che l’introduzione dei nuovi strumenti di controllo (Isa) interviene con tempi e modalità apertamente in violazione dello Statuto dei Diritti del Contribuente: “Perché la lotta all’evasione non si trasformi nuovamente nella facile esazione dagli imprenditori e dai professionisti operosi è indispensabile che questo Statuto venga rispettato”, pertanto è necessario che diventi norma sovraordinata.

Allegati Anche in
  • eDotto.com - Edicola del 28 agosto 2019 - Aidc su ipotesi rimborso della maggiorazione Iva: promesse chimeriche ai contribuenti - G. Lupoi