Telefisco 2020. Controlli sulle ritenute negli appalti

Pubblicato il



Telefisco 2020. Controlli sulle ritenute negli appalti

Importante chiarimento reso dall’Agenzia delle Entrate circa i nuovi obblighi antievasione, in vigore dal 1° gennaio 2020, sulle ritenute operate nell’ambito di appalti e subappalti di valore superiore a 200mila euro annui.

Nel corso di Telefisco 2020, i tecnici delle Entrate si sono espressi sulla procedura prevista per contrastare l’evasione fiscale e contributiva sulle ritenute nei casi di illecita somministrazione di manodopera.

Il Dl fiscale collegato (articolo 4, Dl n. 124/2019, convertito dalla L. 157/2019), infatti, ha disposto che a versare le ritenute saranno direttamente le società appaltatrici, subappaltarici affidatarie della realizzazione dell’opera e, dunque, non sarà più necessario che la ditta committente anticipi la provvista per il versamento delle ritenute di tutti i lavoratori impiegati nell’appalto o subappalto.

L’Agenzia si esprime, ora, sui controlli da effettuarsi sulle ritenute negli appalti di valore superiore a 200mila euro.

Appalti, non si considerano le ritenute operate su retribuzioni maturate a dicembre

Sul tema l’Agenzia delle Entrate è già intervenuta con la risoluzione n. 108/2019, specificando che i controlli sulle ritenute degli appaltatori scattano da febbraio 2020 anche per gli appalti firmati prima del 1° gennaio 2020.

In sede di prima applicazione, però, si possono verificare eventi che si collocano a cavallo d’anno, come per esempio:

  • prestazione resa a dicembre 2019 con pagamento dello stipendio da parte del datore di lavoro appaltatore o subappaltatore nel mese di gennaio 2020;

  • stipendio corrisposto nel corso del mese di gennaio 2020 elaborato sulla base di eventi (esempio gli straordinari) che si sono verificati nel mese di dicembre 2019 (calendario sfasato).

In entrambi i suddetti casi, la retribuzione corrisposta a gennaio 2020 si riferisce ad una prestazione resa a dicembre 2019; pertanto ne dovrebbe derivare che anche le aziende che corrispondono lo stipendio sulla base del calendario sfasato potranno attivare i controlli dal mese di febbraio.

Sul punto è intervenuta l’Agenzia, che ha chiarito che non si attua la verifica sulle ritenute se lo stipendio include variabili di dicembre.

I controlli del committente sulle ritenute che appaltatori e subappaltatori devono versare entro il 17 febbraio, dunque, non scattano se le retribuzioni pagate a gennaio 2020 sono maturate nel mese di dicembre 2019.

L’importante chiarimento reso dall’Amministrazione finanziaria è che a gennaio 2020 non devono essere prese in considerazione le ritenute operate su retribuzioni “maturate” a dicembre 2019.

La regola generale, infatti, vuole che la maturazione della retribuzione si realizzi quando la prestazione viene eseguita.

Rimangono, comunque, irrisolti dubbi operativi sull’applicazione di questa disposizione normativa, soprattutto con riferimento alla tipologia degli appalti da far rientrare nel campo di applicazione dei nuovi obblighi.

Allegati Anche in
  • edotto.com – Edicola del 24 dicembre 2019 - Appaltatori e committenti. Chiarimenti su nuove responsabilità e adempimenti – Moscioni