Confisca di proventi di reati nello spazio Ue. Il nuovo Regolamento

Pubblicato il


Confisca di proventi di reati nello spazio Ue. Il nuovo Regolamento

Il ministero della Giustizia, Direzione Generale degli Affari Internazionali e della Cooperazione Giudiziaria, ha provveduto a emanare una circolare, datata 18 febbraio 2021, in tema di attuazione del Regolamento (UE) 2018/1805, relativo al riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e di confisca in ambito penale.

Confisca e congelamento di beni e proventi di reati nello spazio Ue

Regolamento che, a decorrere dal 19 dicembre 2020, trova applicazione con riferimento a tutti i Paesi membri dell’Unione Europea, ad eccezione di Danimarca e Irlanda.

Esso è applicabile a tutti i certificati di congelamento e di confisca trasmessi il 19 dicembre 2020 o in data successiva mentre per quel che riguarda le richieste di congelamento e di confisca trasmesse prima del 19 dicembre 2020, esse continueranno a essere disciplinate dalle decisioni quadro 2003/577/GAI e 2006/783/GAI, sino all’esecuzione definitiva del provvedimento di congelamento o di confisca.

Ambito di applicazione: provvedimenti di congelamento e confisca in sede penale

Il Regolamento 2018/1805 è introduttivo di uno strumento tendenzialmente omnicomprensivo con riferimento ai provvedimenti di congelamento e di confisca che possono essere riconosciuti a livello UE; sul piano operativo, esso amplia in misura significativa, rispetto alle decisioni quadro 2003/577/GAI e 2006/783/GAI e alla direttiva 2014/42/UE, l’esecuzione transfrontaliera delle misure di recupero dei beni di provenienza illecita nell’Unione europea.

L’ambito oggettivo di applicazione del medesimo, come detto, ricomprende i provvedimenti di congelamento e di confisca emessi dagli Stati membri nel quadro di procedimenti in materia penale e quindi connessi a reati. Sono esclusi dall’applicazione, per contro, i provvedimenti di congelamento e di confisca emessi nel quadro di un procedimento in materia civile o amministrativa.

Finalità del Regolamento: armonizzazione, modelli standard e termini stringenti

Per quel che riguarda le finalità della normativa europea, la circolare spiega che il Regolamento 2018/1805 è volto ad agevolare e semplificare il riconoscimento e l’esecuzione dei provvedimenti di congelamento e confisca emessi dalle autorità di uno Stato membro diverso da quello in cui devono produrre i loro effetti.

Sono due, a tal fine, le linee di intervento:

  • armonizzazione delle norme nazionali che prevedono le varie tipologie di provvedimento ablativo, offendo a tutti gli Stati membri, un quadro generale di riferimento, atteso che “dovrebbe applicarsi a tutti i provvedimenti di congelamento e tutti i provvedimenti di confisca emessi nel quadro di un procedimento in materia penale”;
  • utilizzo di modelli standardizzati, motivi tipizzati di rifiuto, previsione di termini stringenti, miglioramento e velocizzazione dell’esecuzione transfrontaliera dei provvedimenti di congelamento e di confisca.
Allegati