Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) 2019, modificati i periodi di validità

Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) 2019, modificati i periodi di validità

Si modificano i periodi di validità, per l’anno 2019, delle Dichiarazioni sostitutive uniche (DSU). Infatti, come previsto dall’art. 10, co. 4, del D.Lgs. n. 147/2017, è stata apportata una prima modifica all’arco temporale di validità delle DSU, prevedendo che, a decorrere dal 1° gennaio 2019, il termine di scadenza varia a seconda che la dichiarazione sia stata resa entro il 31 agosto 2019 ovvero oltre tale data. Si ricorda che tale modifica incide naturalmente anche per tutti coloro che, dal 6 marzo 2019, intendono chiedere all’INPS il Reddito di Cittadinanza (RdC).

I nuovi termini di validità sono stati esplicitati dall’INPS, con una notizia pubblicata l’11 febbraio 2019.

Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) 2019, cos’è?

In vista del 6 marzo 2019, data dalla quale è possibile chiedere la RdC card, sia dal nuovo portale telematico sia presso i CAF (Centri di Assistenza Fiscale), l’Istituto Previdenziale riepiloga le nuove norme entrate in vigore – a decorrere dal 1° gennaio 2019 – in merito alla Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) che serve per richiedere l’attestazione ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente).

Tale documento, che contiene tutte le informazioni reddituali riguardanti l’intero nucleo familiare, dal patrimonio mobiliare a quello immobiliare, deve essere richiesto da chi intende usufruire di prestazioni sociali (come, ad esempio, il Reddito di Cittadinanza, ma anche altre agevolazioni quali rette per asilo nido, mense scolastiche, ecc.).

Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) 2019, quanto dura?

Sul punto, l’art. 10, co. 1, Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159, prevede che la DSU sia valida dal momento della presentazione fino al 15 gennaio dell’anno successivo.

Tuttavia, per effetto delle nuove norme contenute all’art. 10, co. 4, del D.Lgs. n. 147/2017, è stata apportata una prima modifica all’arco temporale di validità delle DSU, prevedendo che, a decorrere dal 1° gennaio 2019, la dichiarazione sia valida dalla data di presentazione fino al successivo 31 agosto. Il D.L. n. 4/2019, in corso di conversione in legge, ha modificato nuovamente tale comma, prorogando al 31 dicembre 2019 il periodo di validità delle sole DSU presentate dal 1° gennaio 2019 al 31 agosto 2019.

Pertanto, alle DSU presentate quest’anno si applicano i seguenti periodi di validità:

  • le DSU presentate dal 1° gennaio al 31 agosto 2019 sono valide dal momento della presentazione sino al 31 dicembre 2019. Ad esempio, una DSU presentata il 10 febbraio 2019 è valida dal 10 febbraio 2019 al 31 dicembre 2019. Per quanto concerne le DSU già attestate che recavano data scadenza 31 agosto 2019, sono state già aggiornate sul portale con la nuova data di scadenza. Di conseguenza, le attestazioni ISEE, già rilasciate, con data scadenza del 31 agosto 2019 devono essere considerate valide e con scadenza 31 dicembre 2019.
  • le DSU presentate dal 1° settembre al 31 dicembre 2019 sono valide dal momento della presentazione al 31 agosto 2020. Ad esempio, una DSU presentata il 1° ottobre 2019 è valida dal 1° ottobre 2019 sino al 31 agosto 2020.

 

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 11 febbraio 2019 - RdC, il Garante lancia allarme privacy sui conti correnti – Bonaddio
LavoroPrevidenzaSostegno al reddito