Dl Rilancio: “Premio a chi paga” e Durc prorogati

Pubblicato il


Dl Rilancio: “Premio a chi paga” e Durc prorogati

Prosegue l’approvazione degli emendamenti al Decreto Rilancio da parte della Commissione Bilancio della Camera, mentre slitta l’approdo del provvedimento in Aula, atteso per domani.

Tra le novità varate il 1° luglio, si segnala lo sconto del 20% per i contribuenti che pagano le imposte locali (dall’Imu alla Tari) con l’addebito diretto sul conto corrente.

Il correttivo è stato denominato “Premio a chi paga” e prevede che “gli enti territoriali possono, con propria delibera, determinare una riduzione fino al 20% delle aliquote e delle tariffe delle proprie entrate tributarie e patrimoniali a condizione che il soggetto passivo obbligato provveda ad adempiere al pagamento attraverso domiciliazione bancaria”.

Inoltre, ci sarà più tempo, fino al 30 novembre e non più fino al 30 settembre 2020, per la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni.

Ha ottenuto il via libera, anche l’emendamento che consente la rivalutazione dei beni per le cooperative agricole; in tal modo, permettendo l'aggiornamento dei valori dei beni, si concede alle aziende agricole di rafforzare il loro patrimonio, sostenendone l'accesso al credito.

Relativamente ai Durc, passa la modifica secondo la quale i documenti unici di regolarità contributiva già scaduti o che scadono durante lo stato di emergenza saranno validi fino a 90 giorni dopo la dichiarazione della fine dello stato di emergenza, come gli altri certificati, attestati, permessi e autorizzazioni in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2020.

Via libera anche ad un pacchetto di misure a favore del comune Campione d’Italia. Tra esse quella che prevede la proroga del taglio dell'Irpef, Ires e Irap per i residenti del Comune: la riduzione del 50% durerà per 10 periodi d'imposta e non 5, come deciso nell'ultima legge di Bilancio. Per il periodo d'imposta 2020 le agevolazioni “si applicano nei limiti dell'importo di 800 mila euro per ogni impresa. Tale limite è di 120 mila euro per ogni impresa attiva nel settore della pesca e dell'acquacoltura e 100 mila euro per ogni impresa attiva nella settore della produzione primaria di prodotti agricoli”.

Arrivano, infine, 3 milioni di euro per supportare le donne in condizione di maggiore vulnerabilità durante l’emergenza Coronavirus e vittime di violenza: i fondi serviranno a creare uno strumento di welfare, un reddito di libertà, che le accompagnerà nel percorso di autonomia e di affrancamento dall'esperienza di violenza.

Dl Semplificazioni: punita l’inerzia che blocca i cantieri

Riguardo al Decreto Semplificazioni, la cui bozza circola ormai da alcuni giorni e che dovrebbe arrivare in Cdm entro fine settimana, vi è da segnalare un’accelerazione degli iter di realizzazione sui cantieri, da una parte, e il rafforzamento dei presidi di legalità, dall’altra.

Ad essere interessati dovrebbero essere due articoli che riguardano direttamente i dipendenti e funzionari pubblici che omettono o rinviano, rallentando così l’avvio dei cantieri.

All’articolo 15 è, infatti, prevista la riforma della responsabilità erariale, che resta perseguibile per colpa grave in caso di “danni cagionati da omissione o inerzia”, mentre viene limitata al dolo in caso di azione (venga cioè firmato un atto).

All’articolo 16 del decreto viene, invece, inserito il nuovo “controllo concomitante” della Corte dei Conti, al fine di rilevare ritardi o inerzie per esempio nella “erogazione di contributi o trasferimento di risorse a soggetti pubblici o privati destinati al finanziamento di spese di investimento”.

A ciò si aggiunge l’articolo 4 del Dl Semplificazioni, che penalizza l’inerzia del funzionario pubblico e della stazione appaltante anche quando si evita o si rallenta l’aggiudicazione definitiva per la pendenza di un ricorso di fronte al Tar contro l’aggiudicazione provvisoria.

Anche in
  • edotto.com – Edicola dell’1 luglio 2020 - Dl Rilancio, salvi i bilanci 2019/2020 dall’effetto Covid-19 – Moscioni
  • edotto.com – Edicola dell’1 luglio 2020 - Decreto Semplificazioni. Niente condono – G. Lupoi