Identità digitale SPID per accedere ai servizi online delle Entrate

Identità digitale SPID per accedere ai servizi online delle Entrate

I cittadini possono accedere a tutti i servizi online del Fisco attraverso il Sistema pubblico d’identità digitale (SPID), la chiave unica di accesso alla Pubblica amministrazione.

Ne dà notizia il comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate del 9 aprile 2018, che avverte della pubblicazione del provvedimento firmato dal direttore di Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, del 9 aprile.

SPID si affianca alle altre modalità di autenticazione

Dal 9 aprile 2018, pertanto, l’accesso tramite le credenziali SPID si affianca alle presenti modalità di autenticazione previste per gli utenti dei servizi telematici dell’Agenzia.

Dopo i servizi “Dichiarazione precompilata” e “Fatture e Corrispettivi”, sia l’area riservata del sito internet che i servizi telematici Entratel, Fisconline e Sister, potranno essere raggiunti dalle persone fisiche tramite un’identità digitale SPID di livello 2. Si ricorda che SPID, il documento di identificazione online del cittadino, è stato istituito con il Dpcm 24 ottobre 2014.

Un unico identificativo apre il mondo delle PA

Quindi, attraverso le proprie credenziali SPID, i cittadini non saranno più costretti ad usare password diverse per accedere ai servizi online della PA.

Con un solo identificativo sarà possibile, ad esempio, iscrivere i figli a scuola, prenotare una visita in ospedale, richiedere il Bonus Mamma, registrare un contratto di locazione, presentare la dichiarazione precompilata, consultare i dati catastali, visualizzare la propria posizione nel cassetto fiscale, ed altro ancora.

Il provvedimento del 9 aprile 2018 prot. 75242 specifica che i soggetti diversi dalle persone fisiche possono accedere attraverso i loro incaricati che utilizzeranno la propria identità digitale.

Modalità per ottenere SPID

In via preliminare, viene richiesta la presentazione di una dichiarazione di possesso di specifici requisiti ovvero l’adesione a una convenzione che ne regola la fruizione.

L’utilizzo dei servizi sarà consentito con l’autenticazione SPID di livello 2 solo agli utenti (direttamente o tramite i loro incaricati) che abbiano preventivamente ottenuto la specifica abilitazione (Entratel/Sister) secondo le procedure attualmente in essere e pubblicate sul sito internet dell’Agenzia.

Con un documento di riconoscimento, la tessera sanitaria con codice fiscale, un indirizzo e-mail valido e un numero di telefono è sufficiente registrarsi sul sito di uno degli 8 gestori di identità digitale (Aruba, Infocert, Poste, Sielte, Tim, Register.it, Namirial, Intesa) e seguire il percorso indicato.  Le informazioni per registrarsi a SPID sono disponibili su https://www.spid.gov.it/richiedi-spid.

Il livello 2 corrisponde ad un’autenticazione forte a due fattori (password e PIN “dinamico”, ossia che cambia sempre ad ogni accesso).

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 4 aprile 2018 - Entrate: la distribuzione delle imposte relative al 2016 a portata di click – G. Lupoi
  • eDotto.com – Edicola del 27 luglio 2017 - Credenziali SPID per accedere a tutti i servizi INPS – Pichirallo
Fisco