Il Job Act modifica i profili sanzionatori dell'apprendistato

Pubblicato il


Le modifiche apportate al Testo Unico dell’apprendistato dall’art. 2, D.L. n. 34 del 20 marzo 2014, hanno ricadute di rilievo sui profili sanzionatori.

La scomparsa del PFI


La prima riforma è relativa alla lett. a) del comma 1, art. 2, D.Lgs. n. 167/2011, che richiedeva l’obbligo di forma scritta del contratto, del patto di prova e del Piano Formativo Individuale (PFI) che poteva essere definito anche sulla base di moduli e formulari stabiliti dalla contrattazione collettiva o dagli enti bilaterali, entro trenta giorni dalla stipula del contratto di apprendistato.

L’art. 2 del D.L. n. 34/2014, ha eliminato l’obbligo della forma scritta del Piano Formativo Individuale, che vale solo per i contratti di apprendistato stipulati dal 21 marzo 2014, data di entrata in vigore del decreto.
Anche in
  • Approfondimento Lavoro n. 12 del 3 aprile 2014 - Apprendistato dopo il Job Act e profili sanzionatori - Redazione edotto.com