13 settembre 2013

L’esito delle comunicazioni tra datore e lavoratore non è garantito da mail semplici

Nell’impresa Alfa è prassi che le comunicazioni tra dipendenti e datore di lavoro vengano effettuate tramite mail. In applicazione di tale prassi il lavoratore Caio, non in possesso di firma digitale, ha sempre inoltrato le proprie comunicazioni di lavoro a mezzo di semplice mail inviate all’indirizzo di posta elettronica non certificata del responsabile dell’impresa. In una recente occasione Caio invia ad Alfa una mail con la quale comunica importanti informazioni attinenti a trattative commerciali in corso con clienti di Alfa. Nei giorni seguenti, Alfa adduce di non aver ricevuto alcuna informazione scritta né a mezzo mail e avvia un procedimento disciplinare nei confronti di Caio. Costui recrimina la correttezza del proprio comportamento e invoca a propria discolpa l’informazione inviata a mezzo mail. Può ritenersi valida ed efficace la comunicazione inviata da Caio a mezzo mail?
Contenuto riservato! Accedi o registrati gratuitamente.