“Made in Italy” sotto chiave

Pubblicato il



Il disegno di legge che completa la manovra finanziaria interviene in ordine alle misure di tutela del diritto d’autore. Si prevede, infatti, l’aumento delle sanzioni a carico dei trasgressori (da 3 a 6 anni di reclusione e la multa fino a 6mila euro) per il reato di contraffazione o alterazione di marchi e segni distintivi, con aumento anche delle sanzioni relative all’aggravante sui quantitativi ingenti di merci (reclusione sino a 8 anni e multa sino a 15mila euro). La protezione, inoltre, parte sin dal momento del deposito della domanda di registrazione o di brevetto, purché vi sia il rispetto delle norme anche internazionali. Vengono chiariti i limiti e le caratteristiche del reato di cui all’art. 474 c.p., che colpisce chi importa o mette in vendita prodotti contraffatti, in cui è necessaria la finalità del profitto illecito. Viene anche estesa la possibilità di eseguire la confisca anche ai beni che pur non essendo direttamente collegati con l’illecito, fanno capo al colpevole per un valore equivalente al profitto del reato. Da ultimo, è previsto un potenziamento del ricorso alle perizie sulle merci sottoposte a sequestro sia per l’autorità giudiziaria che per le parti.
Allegati