Operazioni fatturate in acconto inesistenti, sì al sequestro

Pubblicato il



Operazioni fatturate in acconto inesistenti, sì al sequestro

E' stato confermato, dalla Cassazione, il provvedimento di sequestro preventivo emesso dal GIP nell'ambito di una complessa indagine per i reati di emissione di fatture per operazioni inesistenti e truffa aggravata ai danni dello Stato.

La misura cautelare era stata disposta sulle quote e sulle aziende di due società nonché sui crediti d'imposta nella disponibilità di queste ultime e su quelli dalle stesse ceduti, anche presso terzi cessionari.

In riferimento ai crediti d'imposta, in particolare, era stato disposto il blocco sul portale dell'Agenzia delle Entrate con corrispondente riduzione del plafond di crediti fiscali compensabili nei rispettivi cassetti fiscali.

Dopo che il Tribunale del riesame aveva rigettato l'impugnazione delle società, queste si erano rivolte alla Suprema corte deducendo motivi di identico contenuto.

Le relative doglianze sono state giudicate infondate dalla Terza sezione penale della Cassazione, pronunciatasi, nella vicenda in esame, con sentenza n. 42012 dell'8 novembre 2022.

Nel provvedimento impugnato era stato puntualmente ricostruito il meccanismo fraudolento messo in opera dagli indagati, utilizzando società a loro riferibili che, in abuso del regime delle detrazioni fiscali nell'ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia, avevano tratto profitto illecito dalla creazione e successiva cessione a terzi di crediti d'imposta inesistenti.

Secondo gli Ermellini, non potevano esservi dubbi in ordine alla sussistenza del fumus del delitto di fatturazione per operazioni inesistenti: l'emissione delle false fatture commerciali aveva avuto la funzione di simulare l'esistenza delle relative spese sostenute e creare così fittiziamente il presupposto costitutivo del diritto alla detrazione.

Nella specie, i correlati crediti d'imposta, di importo corrispondente alla fittizia detrazione, erano inesistenti nella realtà, ma esistenti sulla carta e idonei all'utilizzo fiscale. Il reato contestato era astrattamente configurabile con riferimento alle fatture e ai documenti aventi valore analogo alle fatture, emessi dagli indagati al fine di comprovare l'esecuzione dei lavori e il pagamento delle relative spese.

Bonus casa: fruizione vincolata all’esecuzione delle opere

In tale contesto, non aveva alcuno spessore argomentativo la prospettazione difensiva avanzata dalle ricorrenti, secondo cui erano state emesse fatture in acconto rispetto alla materiale esecuzione dei lavori.

Per la Corte, la fruizione dei bonus fiscali per gli interventi edilizi è indissolubilmente vincolata all'esecuzione completa degli interventi stessi. Le agevolazioni sono infatti concesse per l'esecuzione di interventi edilizi di tal ché i suddetti interventi devono essere completati.

Per un intervento di riduzione del rischio sismico con Sismabonus - ha esemplificato la Corte - non basta ultimare le opere strutturali e collaudarle, ma occorre comunque terminare l'intervento per come dedotto nel titolo edilizio.

I giudici di legittimità, in proposito, hanno tratto alcune conclusioni:

  • è possibile, in linea generale, quando si deve semplicemente portare la spesa in detrazione nella dichiarazione, anticipare i pagamenti anche per lavori da eseguirsi, fermo restando che i benefici verrebbero revocati qualora i lavori non terminassero per intero come nei titoli edilizi;
  • dovendo, il tecnico, attestare tutte le lavorazioni e tutte le somministrazioni eseguite dal principio dell'appalto sino ad allora, non devono essere incluse nel SAL lavorazioni che - seppure fatturate - non siano tuttavia state eseguite;
  • non deve essere rilasciato il visto di conformità relativamente a cessioni crediti in presenza di lavorazioni o somministrazioni non ancora eseguite.

Da tutte tali considerazioni, la Cassazione ha desunto l'infondatezza della tesi difensiva secondo cui, come detto, erano state emesse fatture in acconto rispetto alla materiale esecuzione dei lavori in quanto consentito per legge.

NOTA BENE: Per la Suprema corte, in definitiva, integra il fumus del reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti, la condotta di chi, avendo monetizzato il credito derivante dalla realizzazione di opere suscettibili di fruire del superbonus 110% mediante la sua cessione o lo sconto in fattura, effettui la fatturazione “in acconto” di spese relative a opere non ultimate.
Allegati