Prestazioni economiche INAIL per unioni civili e convivenze di fatto

Pubblicato il



Prestazioni economiche INAIL per unioni civili e convivenze di fatto

L’INAIL, con circolare n. 45 del 13 ottobre 2017, ha sottolineato che i soggetti parte di un’unione civile tra persone dello stesso sesso sono equiparati ai coniugi, per cui si applicano agli stessi le norme riguardanti i diritti alle prestazioni economiche erogate dall’INAIL, prima riservate ai soli coniugi.

I conviventi di fatto, invece, in assenza di un’espressa disposizione normativa che equipari lo status tra coniuge e convivente di fatto, non possono essere beneficiari delle prestazioni economiche erogate dall’INAIL.

L’INAIL elenca, quindi, le prestazioni che spettano agli uniti civilmente:

  • rendita ai superstiti;
  • quota integrativa alla rendita;
  • prestazione aggiuntiva alla rendita per patologie asbestocorrelate per esposizione all’amianto;
  • assegno continuativo mensile;
  • assegno una tantum (cd assegno funerario o assegno di morte);
  • prestazione del Fondo di sostegno per i familiari delle vittime di gravi infortuni sul lavoro;
  • prestazione una tantum di cui alla legge di stabilità 2016.

Inoltre, conclude la circolare n. 45/2017, l’unito civilmente ha diritto a qualunque prestazione economica INAIL riconosciuta al coniuge iure hereditatis (per esempio, i ratei di rendita maturati ante mortem dall'assicurato e non riscossi dal medesimo).

Anche in
  • eDotto.com – Edicola del 23 dicembre 2016 – Unione civile Diritto alla pensione – Schiavone