Protesta avvocati penalisti: adesione totale allo sciopero

Protesta avvocati penalisti: adesione totale allo sciopero

Si è conclusa il 23 novembre l’iniziativa di protesta promossa dagli avvocati delle Camere penali italiane contro la proposta di riforma della prescrizione e il “populismo giustizialista” del Governo e della sua maggioranza.

Unitamente allo sciopero di 4 giorni (dal 20 al 23 novembre 2018), si è tenuta anche una manifestazione nazionale, a Roma, organizzata per l’ultimo giorno di astensione, nel corso della quale, il presidente dell’UCPI, Giandomenico Caiazza, ha tracciato il bilancio della mobilitazione.

Caiazza (UCPI) alla manifestazione nazionale: mobilitazione contro controriforma autoritaria

L’adesione allo sciopero da parte dei penalisti è stata “totalitaria”: un risultato definito “straordinario”.

Caiazza ha assicurato che verranno dedicate tutte le forze e tutte le energie necessarie per spezzare una riforma della giustizia definita “controriforma autoritaria” e per restituire al nostro Paese una giustizia penale rispettosa dei diritti della persona e degna di una società civile.

La consapevolezza del particolare momento storico – sottolinea – può essere colta anche considerando l’adesione della comunità dei giuristi all'allarme lanciato dai penalisti.

Mascherin (CNF): avvocati come navi per salvare i cittadini

Alla manifestazione nazionale dei penalisti “Contro il populismo giustizialista, in difesa della Costituzione e dei diritti” è intervenuto anche il presidente del Consiglio nazionale Forense, Andrea Mascherin.

Mascherin, per rappresentare la delicatezza della situazione, fa riferimento ad una metafora: “Il mare delle democrazie vede scatenarsi la tempesta: ecco, è in questa tempesta che noi salviamo i naufraghi, ossia i cittadini. Siamo le navi non governative che scendono i mare. E se c’è una flotta dell’avvocatura, c’è bisogno anche di una nave ammiraglia: deve essere quella dei penalisti”.

ANF: solidarietà ai penalisti

Solidarietà all’iniziativa dei penalisti è giunta anche dall’Associazione Nazionale forense che, con comunicato del 23 novembre a firma del Segretario, Luigi Pansini, ha sottolineato come l’Avvocatura, nelle sue componenti istituzionali e associative, debba “farsi promotrice di un’iniziativa pubblica sulla giurisdizione, proposta anche all’Organismo Congressuale Forense nel corso dell’incontro odierno con le associazioni, e combattere le semplificazioni, anche di editorialisti e conduttori televisivi, dell’idea del processo civile e di quello penale”.

Per Pansini, in particolare, “Non è pensabile annullare la prescrizione perché significherebbe allungare all’infinito i tempi di accertamento del processo, e tantomeno è ipotizzabile comprimere il diritto ad un processo civile equo in nome di una distorta concezione mediatica dell’efficienza”.

L’interesse per la giurisdizione e la sua corretta amministrazione – conclude il rappresentante dell’ANF – “è di tutta l’Avvocatura”.

Anche in

  • eDotto.com – Punto & Lex 19 novembre 2018 - Sciopero e manifestazione avvocati penalisti: al via – Pergolari
ProfessionistiAvvocatiDirittoDiritto Penale